Sabato la prova per tutti.

Rinaldi presenta la sua bici cargo

La pratica e lo studio quotidiano hanno portato Daniele Rinaldi, artigiano di Tirano, alla realizzazione di un modello di bici cargo, denominata Vale. Si tratta di un mezzo di trasporto con una spiccata anima green e realizzato per essere di altissima qualità grazie alla realizzazione home-made di ogni suo pezzo; infatti, grazie alla sua esperienza e al suo talento, decide di realizzare da sé ogni pezzo del suo progetto. Si tratta di un lavoro certosino e di pazienza che va ad integrare la bici come normalmente viene intesa con le esigenze di trasporto di pacchi, pesi o persone. Le idee, lo studio e l’ingegno di Daniele hanno poi trovato un valido supporto nel lavoro e nella competenza dell’amico Valentino Candiani, designer e fotografo di moda milanese e da cui prende il nome la bici, che ha ideato le linee del telaio che caratterizzano il mezzo, donando allo stesso eleganza, pulizia e fascino. È proprio con il suo modello di cargo bike Vale che nel 2018 Daniele ha vinto un bando Sbrighes.

Presentazione

Con l’intento di dare a tutti la possibilità di scoprire in prima persona tutte le caratteristiche di questa tipologia di bici Rinaldi Telai, con il patrocinio della città di Tirano, ha pensato di organizzare per sabato 6 aprile una mattinata di test drive tra le strade di Tirano vecchia. L’invito è rivolto a tutti gli appassionati di e-bike, agli sportivi in generale, ai concittadini incuriositi, alle mamme e ai papà che portano a scuola i loro bambini in bici (o sognano di farlo) e, perché no, a tutti quegli imprenditori che quotidianamente trasportano merci da un posto ad un altro e che stanno pensando ad una nuova modalità per svolgere il loro lavoro. L’appuntamento è per sabato 6 aprile a partire dalle ore 11 in piazza Salis a Tirano. Il Comune di Tirano ha concesso il patrocinio all’evento in virtù dell’alto potenziale innovativo del progetto e dei benefici ad esso connessi soprattutto in termini di mobilità urbana e rispetto per l’ambiente, tematiche centrali per una città slow a forte vocazione turistica come Tirano.