L’aprichese ancora al top.

Sara Caramella brilla al Milano Climbing Expo

Sara Caramella brilla al Milano Climbing Expo. La ventenne atleta aprichese, componente della squadra nazionale di arrampicata sportiva, è stata protagonista di una eccellente prestazione a Milano Climbing Expo 2019, competizione ad invito di richiamo e visibilità internazionale svoltasi il 25 e 26 gennaio, cui hanno preso parte atleti posizionati ai primi posti assoluti del ranking mondiale.

La qualificazione

Partita dalla qualificazione in programma nella serata di venerdi 25, brillantemente superata al 1° posto chiudendo in catena entrambe le vie proposte dai tracciatori, Sara ha avuto accesso il giorno successivo alla fase finale della competizione, cui erano già qualificati di diritto, in campo maschile e femminile, top climber a livello mondiale. All’esito di una articolata serie di prove a progressiva eliminazione di concorrenti, in una delle quali ha addirittura estromesso dalla gara in un appassionante duello a confronto diretto la plurivincitrice slovena della Coppa del Mondo Mina Markovic, l’atleta valtellinese ha conquistato il 4° posto assoluto nella durissima via di finale che ha decretato il successo della cinese Zhang Yuetong.

Leggi anche:  Nuovi interventi nelle gallerie della Statale 36: ecco tutte le chiusure

Commento

“Speravo ovviamente di fare bene, ma certamente non immaginavo di poter sfiorare il podio. Già potermi confrontare con atlete top, quali tra le altre Mina Markovic, Maja Vidmar, Mathilde Becerra e Laura Rogora, era per me motivo grande soddisfazione e al contempo importante occasione di verifica delle mie capacità e di crescita. Sono riuscita a tenere a bada la comprensibile emozione e ho scalato bene. L’entusiasmo del pubblico e l’atmosfera incredibile che si è creata durante l’evento hanno fatto il resto. Diciamo che la nuova stagione agonistica è iniziata nel migliore dei modi, ma adesso devo allenarmi ancora più duramente per arrivare pronta in primavera alle competizioni nazionali e, spero, internazionali”.