A Sondrio 407 imprese di settore con 1.121 addetti, Lara Magoni: “Ora il Liceo del Made in Italy”

La Settimana della Moda Donna

E’ tutto pronto per la Settimana della Moda Donna, in programma a Milano dal 17 al 23 settembre. Un settore, quello della moda, che vede il capoluogo meneghino e la Lombardia primeggiare a livello nazionale: dai dati forniti dalla Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, tra produzione, commercio e design sono 33.283 le imprese attive in tutta la Lombardia, con 190.151 addetti ed un business di oltre 35 miliardi di euro all’anno. A fare la parte del leone, naturalmente, Milano, con 13.159 aziende e 92.155 addetti.

“I numeri confermano la centralità di Milano e della Lombardia nella moda e nel design a livello nazionale ed internazionale – sottolinea Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda -; la creatività trova il suo fulcro nella genialità e nel ‘saper fare artigiano’ di migliaia di designer, creatori, addetti ai lavori e stilisti che fanno grande la nostra Lombardia”.

Sondrio può contare su 407 imprese

Dopo Milano, in Lombardia ecco la provincia di Brescia, con 3.705 imprese del settore e 14.552 addetti. Sondrio può contare su 407 imprese, con 1.121 addetti. In questa graduatoria, Bergamo è terza con 3.254 imprese e 17.830 addetti. Poi ecco Varese (3.168 aziende con 15.125 addetti), Como (2.445 aziende con 15.113 addetti) e Monza e Brianza (2.299 imprese e 8.857 addetti). A seguire: Mantova (1.723 aziende con 13.112 impiegati nei settori coinvolti), Pavia (1.263 aziende, 5.180 addetti), Lecco (798 imprese, 3.726 addetti), Cremona (705 imprese, 2.389 addetti), Lodi (358 imprese, 991 impiegati).

Leggi anche:  Nuovo sciopero dei treni il 22 e 23 settembre

“Sondrio e la sua provincia hanno tutte le potenzialità per crescere in settori in grado di creare valore e produrre ricchezza – aggiunge Lara Magoni -. La moda, con le sue produzioni, il commercio e l’attività di design, continua a dar vita a numerose opportunità occupazionali, con importanti prospettive per il futuro”.

LEGGI ANCHE:A Parigi per le sfilate d’alta moda

Un settore, dunque, che rappresenta “la linfa vitale dell’economia italiana. Ecco perché per preservare tanta competenza e preparare le future generazioni e ormai non più rinviabile la nascita di un ‘Liceo del Made in Italy’, in grado di formare le giovani leve alla cultura della moda e del design, eccellenze che ci invidiano nel mondo”, conclude Lara Magoni.