Ragazzini che si sballano con alcol e droga già a 12 anni. Dopo il caso della quindicenne ricoverata nella notte di Halloween, arriva l’allarme degli addetti ai lavori.

Droga e alcol già alle scuole medie

A esprimere la sua preoccupazione è la presidente dell’associazione Amici di San Patrignano, Letizia Cerri: “L’età in cui i ragazzi iniziano ad avvicinarsi alle sostanze e ad abusarne è sempre più bassa. Oggi si parla di 12/13 anni. Fino a un decennio fa invece i ragazzi più precoci avevano 16/17 anni”.

Una sessantina i ragazzi seguiti

“Negli ultimi 7/8 anni sono una sessantina i giovani che sono entrati a far parte della comunità di San Patrignano – prosegue – Mentre sono una decina quelli in appoggio alla Comunità di Promozione umana. E’ una realtà che accoglie anche ragazzi che hanno bisogno di un sostegno psichiatrico perché sono state riscontrate delle patologie in quel senso”.

L’incontro a Talamona

Giovedì 9 novembre all’oratorio Don Bongianni, nuova sede anche dell’associazione, si terrà un incontro dal tema «Disagio Giovanile e comportamenti a rischio sostanze d’abuso». L’inizio è alle 20.45 ed è aperto a tutti gli interessati. I relatori saranno don Chino Pezzoli e don Mario Sozzi.

Leggi anche:  La libera di Bormio sarà gestita dalla Fisi

L’invito ai genitori

Cerri invita alla partecipazione: “Sarà una serata dedicata soprattutto a genitori, famiglie ed educatori. Sotto i riflettori ci sarà il tema della prevenzione. Per parlare con i ragazzi è necessario un linguaggio diverso, che parta da una persona che ha vissuto quell’esperienza. I genitori spesso affrontano il tema in famiglia. E solo quando è già un problema. Se ne rendono conto solo quando i figli purtroppo hanno già intrapreso un percorso pericoloso”.

I segnali del rischio

“Sono tanti i segnali a cui dare peso – conclude Cerri – Un figlio che smette di studiare e impegnarsi a scuola, che ha un cambiamento repentino, che si chiude in sè stesso, che vuole solo uscire ma perde interesse per lo sport e per gli hobby, che richiede più denaro rispetto a prima…”.