Oggi sul podio della discesa libera a Bormio è salita anche la Valtellina. Una ottima prova che mette in risalto le capacità organizzative in funzione della candidatura per le Olimpiadi 2026.

Eccellenza

“In Lombardia lo sport è sinonimo di eccellenza a ogni livello, sia per quanto riguarda gli eventi
internazionali, che coinvolgono atleti professionisti e il mondo delle federazioni, sia a livello locale con la valorizzazione
dello sport di base. Oggi poi è una grande giornata di festa grazie alla straordinaria prestazione dei nostri ‘jet’ azzurri
che ci hanno fatto vivere emozioni uniche. Un trionfo che è anche un ottimo viatico per la candidatura olimpica di Milano e
Cortina 2026”. Lo ha detto l’assessore regionale allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi, a margine della discesa libera
maschile di Bormio. “La pratica sportiva – ha continuato – deve essere sempre più il punto di riferimento per i nostri giovani per avviare soprattutto i più piccoli verso modelli di vita. L’entusiasmo e la positività che si respirano in queste ore a Bormio sono il miglior spot per un settore che in Lombardia continua a crescere sia nell’attività di base, sia in quella agonistica”.

Grande opportunità

“La Coppa del Mondo si sta rivelando una grande opportunità per il turismo, il sistema montagna e, più in generale, per l’indotto economico di questo territorio”. L’assessore regionale agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, Massimo Sertori, commenta così la perfetta riuscita della prima delle due gare di Coppa del mondo di Sci in programma a Bormio. “Una gara importante – ha aggiunto – che mette in risalto la straordinaria ‘Stelvio’, una tra le migliori e più tecniche al mondo. Anche in prospettiva del sogno olimpico la Valtellina mette a disposizione di tutti questa straordinaria pista”. “Lo sport, con i valori che rappresenta e le emozioni che è in grado di suscitare, si conferma una delle forme di promozione più efficaci, grazie alle sue capacità di esaltare i territori e far conoscere l’offerta turistica, da quella ricettiva a quella gastronomica”. “La Coppa del Mondo – ha concluso Massimo Sertori – è certamente una vetrina internazionale per un territorio unico e che merita di essere valorizzato in ogni occasione così come il grande lavoro che i valtellinesi hanno fatto in questi mesi per far sì che tutto fosse perfetto”.

Leggi anche:  Sciopero trasporti: domani sarà un venerdì 17… difficile

Oltre l’evento agonistico

“La discesa libera e il super G di Bormio assumono un rilievo che va oltre l’evento agonistico. Sono infatti i primi grandi appuntamenti sportivi da considerarsi come lancio della candidatura italiana a sede dei giochi olimpici invernali del 2026. Il fatto poi che la gara di oggi veda sui gradini più alti del podio due italiani ci riempie di orgoglio e ci fa ragionare con ancor più ottimismo”. Lo ha
detto Antonio Rossi, sottosegretario di Regione Lombardia con delega ai Grandi eventi sportivi, a margine della discesa libera
valida per la Coppa del Mondo che si è svolta a Bormio. “La Valtellina si presenta di fronte agli atleti e al grande pubblico internazionale con l’ambizione e la prospettiva di conquistare, con la candidatura ‘Milano-Cortina 2026’, le Olimpiadi del 2026. Un banco di prova, quello di Bormio, che sta dimostrando come la Lombardia possa contare su strutture eccezionali e su un’organizzazione di ottimo livello”.