Bodycam e telecamere per la videosorveglianza e con sistema di allerta: la sicurezza in  primo piano in Valchiavenna. Grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione Lombardia sul bando specifico, i comuni di Chiavenna, Mese, Piuro, San Giacomo Filippo e Verceia, riuniti nella Polizia locale di Chiavenna e uniti potranno acquistare nuova strumentazione per il controllo del territorio e garantire la sicurezza dei cittadini. Ai 59 mila euro della Regione si sommano i quasi 14 mila euro dei comuni coinvolti per un totale di circa 74 mila euro necessari per la realizzazione del progetto a suo tempo presentato per rendere ancora più efficace l’azione della Polizia locale associata.

Maggiore sicurezza

“Si tratta di un passo importante verso l’obiettivo che ci siamo posti di garantire un alto livello di sicurezza ai cittadini – spiega il sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta -. La Regione ha riconosciuto la validità del nostro progetto finanziando l’acquisto di nuova strumentazione che consentirà di affinare l’efficacia sia sul fronte dell’organizzazione del servizio che su quello degli interventi del personale”.

Leggi anche:  Nei nostri laghi si può fare il bagno

Cosa sono le bodycam

Nello specifico, saranno acquistate delle bodycam, ovvero delle telecamere professionali che verranno indossate dagli agenti di polizia locale durante il servizio: una garanzia per loro stessi ma anche una fonte di prova contro eventuali illeciti. Nove nuove telecamere con sistema di allerta per i furti dei veicoli e per la lettura della targa saranno posizionate in punti strategici del territorio dei comuni convenzionati. Infine, altre sei telecamere per la videosorveglianza saranno pure ripartite tra i comuni.

All’avanguardia

Per il progetto complessivo della Polizia locale di Chiavenna e uniti si tratta di un’importante implementazione che produrrà evidenti benefici nell’azione di controllo del territorio attraverso strumenti all’avanguardia oggi indispensabili per prevenire e, eventualmente, reprimere gli illeciti di natura sia penale che civile.

LEGGI ANCHE: Doppia omissione di soccorso e fuga: la Polizia Stradale trova i colpevoli