Si lavora per il presente e per il futuro, si raccolgono i successi e si analizzano i riscontri, si valutano le strategie e si promuove il confronto. L’edizione 2019 di “Sondrio è estate”, la prima ideata e organizzata dall’Amministrazione Scaramellini, sta per entrare nella sua seconda parte, avviandosi verso la conclusione, con un bilancio completamente positivo, seppure parziale.

Tutto esaurito

Le prime cinque serate si sono caratterizzate per il tutto esaurito e per il gradimento del pubblico, per la presenza di molti non sondriesi e per i buoni affari di bar e ristoranti. Il responso è positivo anche per i negozi, in particolare per quelli che, approfittando della straordinaria affluenza in città, hanno promosso iniziative per attirare la clientela.

LEGGI ANCHE: Sondrio Estate ha fatto di nuovo centro

Sinergia

«Questa è la sinergia che auspichiamo – commenta l’assessore agli Eventi Francesca Canovi-: la collaborazione tra pubblico e privato ottimizza l’impegno di entrambe le parti. Come Comune il nostro compito è quello di creare le condizioni affinché i cittadini siano invogliati a rimanere a Sondrio e altre persone siano interessate a visitare e conoscere il territorio, agli operatori tocca agire per catturare l’attenzione di residenti e turisti. Grazie alla campagna di comunicazione, da quest’anno allargata all’intera provincia di Sondrio e a zone limitrofe quali l’alto lago di Como, siamo riusciti ad aumentare l’affluenza: molte persone hanno scoperto o riscoperto Sondrio, apprezzando ciò che offre anche in termini commerciali. È un ottimo inizio».

Tema circo

La grande attesa per il quinto giovedì di “Sondrio è estate”, andato in scena ieri, non è stata delusa. Il positivo andamento delle precedenti serate, il passaparola dei partecipanti e l’eco mediatica hanno contribuito ad alimentare l’interesse, complice un programma incentrato sul tema del circo che ha suscitato grande curiosità: lo stupore che diventa estasi per poi trasformarsi in divertimento. In piazza Garibaldi è stato molto apprezzato il concerto funky, blues e pop dei “Quasi per caso”, per le vie della città il teatro di strada, il cerchio acrobatico, la danza aerea e la natural dance hanno raccolto applausi convinti, in piazza Cavour lo ‘Street show’ è stato seguito da un folto pubblico. E anche tutte le altre iniziative hanno avuto un riscontro positivo. In un’atmosfera frizzante, in una Sondrio oltremodo vivace, sono stati proprio la qualità e la varietà delle proposte a sorprendere favorevolmente il pubblico, e tutto lascia supporre che sarà così anche per i prossimi giovedì.

Leggi anche:  La scuola materna di Cedrasco non riaprirà più

Città viva e vivace

«Abbiamo vissuto un’altra serata di festa – conclude l’assessore Canovi -. Un momento di condivisione per la nostra comunità ma anche di apertura verso l’esterno. La Sondrio che vogliamo è una città viva e vivace per chi ci abita, attrattiva e interessante per i residenti nel resto della provincia e nelle aree confinanti e per i turisti che soggiornano nelle località di villeggiatura. Per la prossima edizione di “Sondrio è estate” il lavoro comincia adesso attraverso valutazioni e confronti: l’auspicio è che ai commercianti che stanno collaborando promuovendo iniziative nei loro negozi per il 2020 se ne aggiungano molti altri per ampliare ulteriormente le opportunità».