Un’eccellenza aziendale.

Un libro sulla Okay di Talamona

Tra le eccellenze aziendali valtellinesi conosciute in Italia e nel mondo, fa parte a pieno titolo la società OKAY di Talamona, manifattura della carta “Usa e getta”, che in un libro “1969-2019 – 50 anni di OKAY” (Polaris Sondrio aprile 2019), fa conoscere il cammino ed il traguardo di attività raggiunto. Ideatore e promotore Gilberto Corti, un uomo che operava nel settore meccanico, nel territorio industriale di Talamona e, che dopo un’accurata ricerca di mercato, realizzò, dapprima con il socio Angelo Colombini e in seguito come amministratore unico, un’azienda del mondo cartaceo “Usa e getta” collocata nel territorio industriale talamonese.

La storia

La storia e il cammino di quest’azienda è stata promossa dalla tenacia di Gilberto Corti che ha saputo affrontare, con perseveranza e costanza il difficile e impegnativo avvio dell’azienda e nel tempo potenziare la crescita dei prodotti immessi nei mercati nazionali ed esteri. Il libro percorre questo tratto di storia, con interviste, narrazioni di aneddoti e curiosità, che fanno emergere l’operatività, l’organizzazione e la familiarità che si respirano in un’azienda che occupa oltre ottanta dipendenti.

Leggi anche:  Scaramellini scrive a Rfi: "Stazioni abbandonate su una linea indecorosa"

Progetto industriale

La pubblicazione, arricchita da materiale fotografico, vuol far conoscere uno spaccato di storia da trasmettere alle generazioni, le quali possono apprendere come il “sogno” di un progetto industriale possa essere realizzato quando, oltre alla professionalità si mettono in gioco gli obbiettivi della vita. Il libro curato da Gabriele e Paolo Pirruccio, con la collaborazione di Alessandra Corti, per la traduzione di stralci in lingua inglese, è uno strumento di rilevante importanza, non solo per far conoscere la vita dell’azienda, ma come strumento di storia industriale del territorio valtellinese.