E’ valtellinese il padre dei due bambini travolti dal treno in Calabria mentre andavano al mare.

Bambini uccisi dal treno mentre vanno in spiaggia

Mercoledì 8 agosto, a Brancaleone, località marittima della città metropolitana di Reggio Calabria, due bambini di 6 e 12 anni hanno perso la vita dopo essere stati travolti da un treno in corsa. I fratellini Giulia di 6 anni, e Lorenzo di 12, si trovavano in località San Giorgio quando sono stati investiti da un treno in transito sulla linea tonica tra Brancaleone e Locri mentre attraversavano i binari diretti verso la spiaggia. La madre, Simona Dall’Acqua, che era con loro nel momento dell’incidente, è rimasta ferita. Le sue condizioni sono disperate. Il padre dei bambini, Peter Pipolo, che si è separato dalla moglie, ha raggiunto ieri sera la Calabria.

La dinamica della tragedia

Da una prima ricostruzione sembrerebbe che che la piccola Giulia, detta Gilla, sia scappata di mano alla madre dopo che avevano terminato l’attraversamento dei binari. E’ tornata sulla linea ferroviaria mentre il fratellino e la mamma le sono corsi dietro. E proprio in quel momento è sopraggiunto il treno regionale che li ha travolti.

Leggi anche:  Spaccio di droga, giovane valtellinese arrestato

IL SERVIZIO COMPLETO SU CENTRO VALLE IN EDICOLA DOMANI, SABATO 11 AGOSTO.