Si cerca Americo Aldrovandi. Il giovane, 35 anni, ha fatto perdere le sue tracce lo scorso 20 marzo. Viveva a Capolago, un quartiere di Mendrisio in Svizzera, nel Canton Ticino. In rete un sito svizzero ha gettato ombre sulla sua scomparsa. L’uomo infatti viene ripreso mentre viene aggredito e bullizzato.

Si cerca Americo Aldrovandi: la vicenda

Intorno al 15 marzo sua madre gli ha mandato un messaggio su Facebook, ma non ha ottenuto nessuna risposta. Così, qualche giorno dopo, esattamente il 20 marzo la zia è andata a controllare l’appartamento dove vive ma senza trovarlo. Il suo cellulare risulta irraggiungibile.

Il video

La trasmissione “Chi l’ha visto”, negli scorsi mesi, ha mandato in onda un video, ripreso da un sito svizzero, in cui il 35enne viene bullizzato. Un uomo robusto lo scherinisce e lo immobilizza, mimando un atto sessuale. Aldrovandi reagisce allontanandolo, ma l’uomo lo minaccia nuovamente. “Hai sbagliato persona, sai che lavoro faccio io?! Io faccio il macellaio e ora ti sfiletto e basta”. Nessuno interviene in suo soccorso. Il video sembrerebbe risalire a febbraio e dopo quell’episodio Americo aveva confidato ai parenti di essere molto scosso per l’accaduto.

Leggi anche:  Paura per una coppia uscita fuori strada con l'auto

Il mistero del cellulare

Il 18 marzo il giovane dice alla zia di essere caduto dalle scale e quindi di non potersi recare al lavoro. Da lì in poi il buio: nessuna risposta alla zia e alla mamma che avevano provato a contattarlo su Facebook. Anche a casa non si trova nessuno. Ad un amico però, qualcuno risponde al posto di Americo al telefono dicendo che l’uomo era partito, allontanandosi da casa per via di problemi familiari e che sarebbe tornato da lì a pochi giorni. Chi è l’uomo che ha riposto? Forse sa qualcosa della scomparsa di Aldrovandi?

Informazion utili per le ricerche

Americo è alto 190 cm, ha una corporatura robusta, occhi castani scuri, capelli castani scuri ondulati medio lunghi, dita delle mani tatuate con simboli vari, tatuaggio sul lato sinistro del collo rappresentante un volto, tatuaggi su braccio destro. Chiunque avesse informazioni può contattare la Polizia cantonale al numero 0848 25 55 55.