I carabinieri del Comando Stazione di Livigno, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti posta in essere dai Comandi dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Tirano, nella mattinata di lunedì 30 settembre hanno tratto in arresto G.D., un 31enne livignasco, per il reato di detenzione di marijuana ai fini di spaccio.

Ha ammesso di fare uso di droghe

I militari spiegano: “L’attività è scaturita da una serie di controlli stradali eseguiti lungo le vie del “Piccolo Tibet”. Nello specifico, intorno alle ore 10:00, i Carabinieri della nota località turistica hanno intimato l’ALT ad un fuoristrada condotto da un uomo che, una volta fermata la propria vettura, ha palesato un forte stato di agitazione. All’esplicita domanda dei Carabinieri se facesse uso di sostanze stupefacenti, l’uomo ha risposto affermativamente, consegnando loro una confezione di caramelle contenente, invece dei dolci bonbon, gr. 0,35 di marijuana”.

LEGGI ANCHE: Genitori vietano la trasfusione per la figlia in fin di vita, intervengono i Carabinieri

Perquisizione a casa

Il 31enne è stato quindi sottoposto a “drug test” risultando positivo, durante la guida, alla marijuana ed alla cocaina. A questo punto gli uomini dell’Arma hanno sottoposto a perquisizione l’abitazione del livignasco, dove lo stesso aveva ammesso di detenere una quarantina di grammi di marijuana. Ma l’accurata ricerca ha fornito ben altro risultato: suddivisa in 10 sacchetti, ben celati in nascondigli sparsi nei vari ambienti della casa, i Carabinieri di Livigno hanno trovato gr. 160 di marijuana oltre a due bilance di precisione, altri numerosi sacchetti atti al confezionamento dello stupefacente e la somma contante di € 385 in banconote di piccolo taglio.

Leggi anche:  Esce di strada, grave un 80enne

In manette

Sono scattate le manette per G.D. il quale, al termine delle formalità di rito e su disposizione del Pubblico Ministero di turno dott. Stefano Latorre, è stato associato alla Casa Circondariale di Sondrio in attesa del giudizio di convalida dell’arresto. Ieri il G.i.p del Tribunale di Sondrio dott. Carlo Camnasio ha convalidato l’arresto, applicando la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. La sostanza stupefacente è stata sequestrata e sarà inviata al laboratorio di analisi dell’Arma dei Carabinieri di Brescia per la quantificazione del principio attivo.