Situazione drammatica a Dervio: scattato l’ordine di evacuazione da parte della Prefettura di Lecco. Il timore principale, dopo l’esondazione del torrente Varrone avvenuta già in mattinata, è la stabilità della diga Enel situata a Premana.

LEGGI ANCHE:

Paura in Valle: colate di fango, strade allagate, esondato il Varrone in Alto Lago. Sospesa la circolazione dei treni FOTO E VIDEO IN DIRETTA

Paura e danni per la super grandinata FOTO IMPRESSIONANTI

 La grandine distrugge i lucernari durante l’assemblea pubblica FOTO e VIDEO

Statale 36 interrotta per l’esondazione di due torrenti VIDEO

Frana a San Giacomo Filippo VIDEO

Situazione drammatica: scattato l’ordine di evacuazione a Dervio

Ad illustrare nel dettaglio la situazione è il sindaco Stefano Cassinelli che è da subito sceso in campo con i soccorritori, i Vigili del Fuoco, la Protezione Civile e i volontari.

“La Prefettura ha inizialmente dato ordine di evacuare tutto il paese, poi dopo attente  valutazioni è stata invece circoscritta un’area di evacuazione più ristretta in base al Piano Regionale. Si tratta della zona sotto i fiume” spiega il primo cittadino.

Centinaia fuori di casa

“Stiamo organizzando punti di raccolta  per gente a piedi o priva di mezzi all’Oasi del Viandante” prosegue Cassinelli. “Il Comune di Colico e il Comune di Bellano hanno messo a disposizione degli spazi. A Bellano l’oratorio e  a Colico la palestra auditorium per accogliere gli sfollati. Tutti i mezzi sono in campo”.

Leggi anche:  Emergenza Maltempo nel Lecchese: il Ministro Toninelli vuole chiarimenti sulla diga di Pagnona

Si teme il cedimento della Diga

“La situazione è seria perchè alla diga di Premana ci sono stati problemi di tracimazione per cui c’era il timore che possa scendere un’onda anomala.  Stiamo sfollando diverse centinaia di persone e i danni sono assolutamente ingenti”.

Le vie di accesso al paese

Tanto la ferrovia quanto la strada provinciale 72 sono chiuse. “A Dervio è attivo solo il ponte in centri paese che è l’unico ancora utilizzabile – conclude il sindaco –  Tutti i volontari sono al lavoro. Fino a che Enel non darà garanzia alla Prefettura che la diga tiene non non possiamo fermare l’evacuazione”.