L’emergenza maltempo non è finita. Anche se al momento sulla Valtellina non sta piovendo ci sono ancora diverse situazioni critiche. Intanto oggi sono state riaperte le scuole.

Emergenza maltempo, ecco la situazione nel Sondriese

Ieri sera è stata riparta al traffico la strada che collega Sondrio alla Valmalenco. Sono quindi raggiungibili i centri abitati di Chiesa, Caspoggio, Lanzada, Torre di Santa Maria e Spriana. Un sospiro di sollievo per i residenti che per quasi due giorni sono rimasti isolati per la frana a Mossini. Resta ancora critica invece la situazione sul territorio comunale di Ponte. Al momento risultano ancora irraggiungibili le frazioni di Albareda, Prestinè e Briotti.

La Bassa Valle

Problemi anche in Bassa Valle e in particolare a Buglio in Monte e Val Masino. Nel primo caso l’accesso al paese è consentito attraverso un senso unico alternato controllato. Chiusa invece al traffico veicolare e pedonale la strada che conduce ai Bagni di Masino dove tuttavia non sono presenti abitazioni residenziali. Resta chiuso in Bassa Valle anche il ponte di Traona sulla Valeriana. La decisione è arrivata ieri a titolo precauzionale da parte della Provincia che già nei giorni scorsi – dopo aver vietato il transito ai mezzi pesanti – aveva chiuso il ponte anche alle auto e ai pedoni. Il divieto di circolazione resterà in vigore fino alle 17 di oggi, salvo eventuali proroghe.

Leggi anche:  Furto e danneggiamento, chiavennasco nei guai

Alta Valle

Due i fronti aperti dell’emergenza in Alta Valle. Il primo riguarda Valdisotto, dove risultano ancora isolate le frazioni di Fontane, Santa Maria Maddalena, Massaniga, Presure, Tiola e Monte. C’è poi la questione forse più difficile da risolvere per le 190 persone bloccate allo Stelvio da due giorni. Da ieri è operativa una task force per liberare la strada e riportarle a valle.