Due In due sono stati denunciati per la tentata truffa all’esame per la patente di guida. Uno di loro è anche finito all’ospedale per aver azzardato troppo. E’ quanto racconta il portale www.giornaledicomo.it

Truffa all’esame per la patente

Un ventenne originario dell’India e un trentasettenne del Pakistan sono stati denunciati a seguito di un’operazione della Polizia Locale di Como. Il primo, residente a Erba, è stato trovato con uno smartphone attaccato all’interno della felpa, sulla quale era stato praticato un piccolo foro attraverso cui venivano riprese le domande proiettate sul monitor assegnato all’esaminando e trasmesse ad un complice all’esterno, che completava “l’operazione” comunicando la risposta corretta. Le ridotte dimensioni del piccolo marchingegno elettronico hanno rischiato di costar caro al giovane, costretto a sottoporsi alle cure dei sanitari dell’ospedale Sant’Anna. Il motivo è spiegato accuratamente sull’articolo dei colleghi del Giornale di Como.

Il secondo caso

Stesso escamotage quello attuato dal trentasettenne originario del Pakistan, residente a Luisago, che, al contrario dell’altro candidato, è stato controllato solo dopo aver ultimato gli esami, peraltro brillantemente superati. Anche in questo caso gli inquirenti, preso atto della mancata collaborazione dell’uomo, hanno eseguito un controllo approfondito che confermava i sospetti. Smartphone, foro sul maglione e un piccolo auricolare gli strumenti occultati sotto gli abiti che sono valsi l’ennesima segnalazione alla Autorità Giudiziaria.

Leggi anche:  Schianto moto contro auto, grave ragazzo di 23 anni

 

Per continuare a leggere CLICCA QUI