L’incendio in Valtellina, partito dalla Val Fabiolo continua e procede verso Talamona. Sono già 100 gli ettari distrutti da quello che sembra essere un evento doloso.

Operazione di spegnimento

Incessante il lavoro di Protezione civile e Vigili del fuoco per spegnere le fiamme. Operazioni molto difficili oltre che per il forte vento anche per la posizione particolarmente impervia. Ad aiutare nello spegnimento è intervenuto anche un elicottero che preleva acqua dall’Adda per gettarla sull’incendio, alle 18,30 però dovrà rientrare per poi ripartire domani mattina.

Verso Sostila

“Sopra Sirta sembra che l’incendio si sia spento” fa sapere il vice sindaco di Forcola, Alberto Daziani. “Continua però a procedere verso l’alto, gli manca poco per scavalcare il culmine della montagna, da lì potrebbe arrivare facilmente a Sostila” continua aggiungendo che le fiamme stanno proseguono anche verso la strada che va a Campo Tartano, la provinciale 11. “In questo caso i mezzi dei vigili del fuoco potrebbero intervenire per contrastarlo, altrimenti non ci resta altro che affidarci all’elicottero”.

Leggi anche:  Malore fatale a Morbegno

Nessuna precipitazione in vista

Purtroppo non sono previste precipitazioni. In base alle previsioni – si legge nella Nota della Protezione Civile –
la Regione è interessata nel fine settimana da un veloce fronte freddo in transito da nord con scarsi fenomeni precipitativi ma forte gradiente barico, il quale causera’ un rapido rinforzo dei venti sulla regione. La dinamica atmosferica sarà favorevole all’ingresso di venti, da moderati a forti, provenienti da ovest su tutta la pianura centro-occidentale; in montagna, ventilazione sostenuta da nord-ovest, soprattutto lungo i crinali tra Alpi e Prealpi orientali (Valtellina e Valcamonica). Lunedì 30 ottobre si assisterà a un allontanamento del fronte freddo con attenuazione dei venti su tutta la regione e generale calo termico soprattutto in montagna, assenza di precipitazioni.