Si è aperto nella mattinata di oggi, martedì 14 maggio 2019, in tribunale a Lecco il processo a carico di T.A. , 41 anni, la presunta killer di gatti accusata di uccisione e maltrattamento di animali (rispettivamente articoli 544 bis e ter del codice penale), ma, anche, del reato di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (articolo 650 codice penale), ne danno notizia i colleghi di GiornalediLecco.it.

LEGGI ANCHE Seviziati e ammazzati: lecchese indagata per uccisione di gatti

LEGGI ANCHE Denunciata la killer di gatti di Lecco

Killer di gatti: a Lecco è iniziato il processo

Come annunciato durante la prima udienza l’Enpa (sia la sezione nazionale che quella di Bergamo  visto che proprio quest’ultimo sodalizio aveva fatto “scoppiare il caso” segnalando i presunti abusi nei confronti dei cuccioli) si è costituita parte civile. Stessa scelta per l’Udga, ovvero il Comitato Ufficio Garante Diritti degli animali Onlus.

Come riporta GiornalediLecco.it, Il giudice Martina Beggio ha disposto una perizia nei confronti della lecchese difesa dall’avvocato Nadia Colombo. Duplice l’obiettivo: da una parte capire se l’imputata è in grado di intendere e di volere e di stare in giudizio e dall’altra verificare una eventuale pericolosità sociale. L’udienza è stata quindi aggiornata al prossimo 21 maggio.