I valori relativi al movimento del corpo frana di Gallivaggio restano ancora al di sopra delle soglie di sicurezza che consentono l’apertura delle finestre di transito della strada statale 36. Pertanto prosegue la chiusura totale al transito della strada.

Strada alternativa

Il progetto esecutivo della pista alternativa è pronto ed è stato realizzato in circa dieci giorni sotto il coordinamento della comunità montana della Valchiavenna. Ora si attende, in stretto accordo e collaborazione con Regione Lombardia, il riconoscimento dello stato di emergenza da parte del consiglio dei Ministri che consentirà di avviare con rapidità la realizzazione della strada provvisoria.

Misure d’emergenza

Questa mattina si è tenuto un importante incontro a Chiavenna tra areu, asst, croce rossa e in rappresentanza degli enti del territorio del presidente della Provincia di Sondrio Luca Della Bitta che ha portato alle seguenti decisioni:
– attivazione, a partire da domani, di un msi a Campodolcino come garanzia ulteriore della cura delle esigenze sanitarie
– massima disponibilità del volo dell’elicottero per le emergenze in valle spluga
– per le necessità sanitarie:
– emergenza chiamare al numero unico 112
– presenza della guardia medica attiva dalle 20 alle 8 esclusiva per la valle
– per altre necessità sanitarie, non urgenti ma programmabili, fare riferimento ai comuni di Campodolcino e Madesimo con il seguente filtro organizzativo del Pronto Soccorso di Chiavenna.

Leggi anche:  Controlli in Valtellina dopo il crollo del Ponte Morandi

Protezione civile

Rimane attivo a campodolcino il punto operativo straordinario della Protezione Civile della Provincia di Sondrio he risponde al numero 3204337786 per informazioni generali in merito alla situazione fatto salvo necessità sanitarie.