Due coniugi valtellinesi, entrambi di 64 anni, hanno perso la vita per esalazioni di ossido di carbonio, dovute probabilmente al malfunzionamento di un generatore.

Morti in casa alla Malga Palabione di Aprica

Le vittime sono L.R., il marito, e O.B., la moglie. Erano residenti a residenti a Tresivio, ma avevano anche una baita in località Malga Palabione, ad Aprica. La tragedia si è presumibilmente consumata mentre la coppia stava dormendo nello chalet di montagna, a 1700 metri di quota. Il figlio si è allarmato quando ha visto che i genitori non rispondevano al telefono e ha subito chiesto aiuto. Sul posto l’elicottero, i carabinieri, i vigili del fuoco e il Soccorso alpino, stazione di Aprica della VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del Cnsas. Il medico ha constatato il decesso e le salme sono state trasportate a valle.