E’ stato scarcerato oggi Giulio Paganoni, 73 anni, l’uomo che lunedì mattina aveva ucciso la sorella Andreina (LEGGI QUI). L’omicidio è avvenuto nell’appartamento dove i due fratelli abitavano in via Torelli. Secondo le prime informazioni trapelate, Paganoni dopo aver soffocato la sorella era intenzionato a togliersi la vita. Solo il tempestivo intervento da parte della polizia avvertita dallo stesso assassino ha impedito il gesto estremo.

Omicidio di Sondrio, concessi i domiciliari

Ieri mattina Paganoni, assistito dal suo avvocato Giuseppe Romualdi, è comparso davanti al giudice per le indagini preliminari Carlo Camnasio per l’udienza di convalida del fermo per omicidio volontario. Durante l’interrogatorio Paganoni ha ribadito quando aveva già detto agli investigatori della Polizia e al magistrato ricostruendo quanto accaduto lunedì nell’appartamento di via Toti. Al termine del’udienza il gip ha optato per la scarcerazione del sondriese, concedendogli gli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE: Omicidio a Sondrio, l’assassino voleva uccidersi