Numerosi incidenti sono avvenuti oggi, venerdì, sulle piste da sci della Valtellina. In quattro casi gli infortuni si sono rivelati particolarmente seri, tanto da richiedere l’intervento dell’eliambulanza.

In mattinata incidenti sulle piste da sci di Aprica e Bormio

I primi due incidenti gravi sono avvenuti ad Aprica e Bormio. Nella località orobica l’allarme è scattato poco dopo le 9.30 sulla parte bassa della pista della Magnolta. Una donna di 36 anni è rimasta vittima di una caduta mentre stava affrontando una delle discese più impegnative del comprensorio. Sul posto è stato fatto intervenire l’elicottero decollato da Caiolo che ha provveduto al trasporto della sciatrice in ospedale a Sondrio. Attorno a mezzogiorno il secondo intervento dell’elisoccorso, questa volta a Bormio. Vittima dell’incidente uno sciatore di 58 anni infortunatosi a Bormio 2000 e poi trasportato al Morelli di Sondalo. L’incidente è stato causato da uno snowboarder che ha investito lo sciatore e poi ha fatto perdere le proprie tracce. Entrambi i feriti sono stati soccorsi in codice giallo, simbolo di ferite gravi ma fortunatamente non tali da mettere in pericolo la loro vita.

Doppio intervento a Livigno

Due gli incidenti seri anche a Livigno. Il primo è avvenuto sulla pista Trepalle, in località Eira, alle 13.40 e sono rimaste coinvolte tre persone. Si tratta di due donne di 40 e 41 anni e di una ragazza di 18. Una di loro è stata portata in ospedale in ambulanza mentre le altre due sono state soccorse con l’elicottero, che ha fatto la spola tra la pista e il Morelli di Sondalo. Più tardi, alle 15.30 il secondo incidente, avvenuto nel comprensorio del Mottolino. E anche in questo caso è stato richiesto l’intervento dell’eliambulanza per soccorrere una donna di 51 anni.

Leggi anche:  Poliziotto ferito nell'inseguimento: preso il fuggitivo

Altri incidenti anche a Chiesa e Santa Caterina

Nel corso della giornata si sono registrati anche altri incidenti, fortunatamente meno gravi e non tali da richiedere l’intervento dell’elicottero. Sono avvenuti a Bormio, a Santa Caterina (anche in questo caso con tre persone coinvolte tra le quali una quattordicenne), Chiesa e Aprica. E altri cinque si sono verificati ancora una volta a Livigno.