Prosegue l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Raparti del Comando Provinciale Carabinieri di Lecco, recentemente intensificata anche a seguito delle decisioni assunte durante Riunione Tecnica di Coordinamento che si è svolta nei giorni scorsi  in  Prefettura a Lecco. I militari infatti sono scesi in campo con mirati servizi di osservazione  e controllo delle aree ritenute di maggiore interesse a ridosso delle stazioni ferroviarie e delle aree boschive.

LEGGI ANCHESpaccio nei boschi del del Lecchese: in arrivo una task force

Spaccio di metadone: coppia di pusher in manette

Dopo gli arresti dei giorni scorsi al Parco Adda di Calolziocorte,  i Carabinieri della Stazione di Colico che nel frattempo hanno incrementato i controlli sia nei pressi delle stazioni ferroviarie di Colico e di Piona, sia nei pressi dell’area boschiva del Posallo,  nella serata di ieri, 3 ottobre 2019, hanno tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio sostanze stupefacentiFederico Ravellia, 40enne, già noto alle Forze di Polizia  e  Lisa De Bernardi, 33enne, entrambi residenti a Colico, sorpresi nel tentativo di smerciare due dosi da 50 ml di metadone ad un 50enne di Colico (che è stato a sua volta segnalato alla Prefettura di Lecco).  I due sono stati accompagnati oggi in  Tribunale a  Lecco per il giudizio direttissimo a seguito del quale il Giudice ha convalidato gli arresti e rinviato l’udienza al prossimo mese di gennaio 2020.

LEGGI ANCHE Beccato con oltre due chili di droga tra coca, hashish ed eroina gialla: in manette

Leggi anche:  Il concerto di Treves rinviato al 25 gennaio

La sostanza

Il metadone è un farmaco appartenente alla classe degli antidolorifici oppioidi. Il suo potere analgesico è simile a quello della morfina, ma – a differenza di quest’ultima – il metadone non è di origine naturale, bensì è un farmaco di sintesi. Il metadone – oltre ad essere utilizzato nella terapia del dolore – trova impiego anche nel trattamento delle tossicodipendenze per ridurre i sintomi tipici della crisi d’astinenza.

Cocaina, eroina e hashish

L’attività condotta nel pomeriggio di ieri ha consentito ai Carabinieri di Colico  di segnalare alla  Prefettura altre tre persone, residenti tra le province di Lecco e Sondrio perché trovate in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti ovvero 3 grammi di cocaina, un grammo di eroina e 4 grammi e mezzo  di hashish.

 

LEGGI ANCHETentato omicidio nel bosco della droga: resta in carcere il 23enne che ha sparato FOTO