Panico questa mattina al PFP di Sondrio. Per motivi ancora da accertare c’è stata una scarica di spray al peperoncino che ha intossicato alcuni ragazzi.

Spray al peperoncino durante l’intervallo

L’allarme è scattato intorno alle 10. Dalle prime informazioni raccolte, durante l’intervallo sarebbe spuntata tra gli alunni una bomboletta spray al peperoncino che accidentalmente si sarebbe stata azionata dopo essere caduta a terra. Il gas orticante è così finito su alcune ragazze che hanno da subito accusato dei malori. Alcune di loro sono state portate in ospedale per accertamenti. Sul posto oltre al personale del 118 anche i Carabinieri che si stanno occupando di fare luce sulla vicenda.

SU CENTRO VALLE DI SABATO 16 MARZO 2019 IL SERVIZIO CON FOTO ESCLUSIVE

Spray al peperoncino: continua l’incubo in Lombardia

A Sondrio è il primo caso ma non in Lombardia, ultimo in ordine di tempo l’inquietante episodio avvenuto giovedì 7 marzo 2019 alla scuola media Pietro Addobbati di Villanterio in provincia di Pavia. Uno o più studenti (le indagini sono ancora in corso) hanno spruzzato dello spray al peperoncino all’interno del bagno. Da lì poi l’urticante si è diffuso nell’istituto provocando bruciori a molti ragazzi. A dicembre, all’interno dell’Istituto Cardano di Pavia lo spray urticante venne spruzzato negli spogliatoi della palestra. Allora si contarono addirittura 49 ragazzi intossicati, 34 dei quali successivamente portati al Policlinico San Matteo per accertamenti. Anche nel Bresciano una scuola, quella di Vobarno, è stata teatro di un brutto episodio accaduto solo l’altra settimana quando 9 studenti attorno ai 14 anni sono stati soccorsi dopo che alcuni coetanei avevano spruzzato lo spray al peperoncino nell’area ristoro nel corridoio. Senza dimenticare l’episodio a ottobre in una scuola media a Casalpusterlengo: bilancio 13 intossicati.

Leggi anche:  Emergenza maltempo: scene di devastazione da Premana, Primaluna e Dervio

La tragedia di Corinaldo non ha insegnato nulla

Il continuo ripetersi di aggressioni con il pepper spray sembra purtroppo dimostrare che la tragedia di Corinaldo al concerto di Sfera Ebbasta, costata la vita a 6 giovani, ha insegnato poco o nulla. Nella nostra regione infatti, negli ultimi mesi, sanitari e forze dell’ordine hanno dovuto fra fronte a tante, troppe emergenze. Come quella all’interno della discoteca Spazio Cantù nel Comasco dello scorso dicembre con ben 60 persone intossicate per fortuna non in modo grave. Analogo episodio anche in un locale notturno in provincia di Lecco allo Tsunami Club di Osnago.

Tanti episodi Nel Varesotto

A fine febbraio in un ristorante di Saronno è scattato il panico quando, un gruppo di clienti, forse per non pagare il conto, aveva spruzzato la pericolosa sostanza. 17 le persone soccorse dai sanitari e tra queste anche un bambino di 3 anni e una bimba di 1 anno.  Ad ottobre, a Castellanza il pericoloso spray al peperoncino era stato spruzzato durante una lite scaturita per futili motivi in un supermercato. L’autore dell’aggressione era statpoi denunciato dai Carabinieri.