Molte le vittime sulle strade lombarde negli ultimi due giorni. Decessi dovuti alla disattenzione, alla eccessiva velocità oppure all’abuso di alcol alla guida.

Travolti in bici

L’ultimo episodio è avvenuto questa notte. Come riportano i colleghi de LaMartesana.it intorno alla una di oggi, domenica 30 giugno 2019, sulla Padana, all’altezza di Bellinzago (Provincia di Milano), un’auto, guidata da una 27enne, ha travolto una bicicletta con a bordo due persone, un 22enne e un 30enne. L’impatto è stato violentissimo. Uno dei due non ce l’ha fatta, l’altro lotta per la vita. La 27enne è stata ricoverata in ospedale per lo shock, ma le sue condizioni sono buone. Per tutti i dettagli CLICCA QUI

Anziano morto a Giussano

Un anziano invece è morto a Giussano (Provincia di Monza e Brianza) in seguito alle lesioni riportate dopo essere stato investito ieri, 29 giugno 2019. Come spiegano su GiornalediMonza.it, il violento incidente è avvenuto lungo una strada stretta che passa attraverso i campi e che gli automobilisti utilizzano come scorciatoia. Ad investire l’uomo di 87 è stato travolto da una “Ford Fiesta” condotta da una giovane donna. Le cause del sinistro sono ancora in fase d’accertamento da parte degli uomini della Polizia locale, intervenuti sul luogo del sinistro. Per tutti i dettagli CLICCA QUI

Lungo la Tangenziale Nord

Queste ultime due tragedie si aggiungono a quella che si è consumata nella tarda serata di venerdì lungo la Tangenziale Nord ,all’altezza di Nova Milanese (Provincia di Milano), dove due ragazzi in moto sono stati travolti e uccisi da un Suv condotto da un 45enne di Cinisello Balsamo risultato poi positivo all’alcoltest.

 

Ucciso da autista ubriaco

Episodi tremendi che chiamano alla memoria il drammatico incidente costato la vita al giovane Daniele Bertolini di Buglio in Monte. Studente di 18 anni morto la sera del 19 ottobre 2018 dopo essere stato travolto mentre viaggiava a bordo della sua due ruote all’altezza del distributore Tamoil a Castione Andevenno, lungo la Statale 38. Ad investirlo un’auto guidata da un 38enne che all’alcol test è risultato con un tasso alcolemico molto al di sopra del limite consentito dalla legge. (LEGGI QUI)

Leggi anche:  Ritrovata la 15enne scomparsa a Sondrio

Contro mano

La sera del 16 dicembre 2018 invece il tremendo incidente con sei morti (LEGGI QUI) lungo la nuova statale 38. Secondo quanto ricostruito, una Fiat Panda proveniente da nord, sulla quale viaggiavano cinque delle sei vittime, ha imboccato contro mano la nuova statale 38 all’altezza di Mantello, dove la statale da una corsia diventa a due. Dopo aver percorso circa 500 metri contro mano è andata a schiantarsi contro una 500 X sulla quale viaggiava una persona da sola. L’impatto è stato fortissimo e le auto hanno preso fuoco. Per le persone coinvolte non c’è stato nulla da fare, sono morte sul colpo. Sulla Fiat Panda viaggiavano Jessica Capelli, 26 anni. Insieme a lei hanno perso la vita i passeggeri Giada Zerboni, 33 anni; Nicholas Forte, 20 anni; Cristian Magaroli, 36 anni, tutti di Tirano, e Simone Silvagni, 42 anni, di Bologna. A bordo della Fiat 500 X si trovava invece Andrea Gilardoni, 52 anni, di Como.