Venerdì 11.

Bormio, serata sull’Etiopia

Serata “Etiopia, un incontro con gli archetipi dell’uomo” in programma presso la biblioteca di Bormio per venerdì 11 maggio alle ore 21 con il relatore Alessandro Zuzic. L’Etiopia è un Paese complesso con radici storiche sorprendenti. La tradizione cristiana, che tra i monti dell’altipiano del nord ovest ha saputo difendersi e resistere dall’espansionismo arabo, vanta un proprio lignaggio diretto. Che è tramandato grazie alla scrittura ed all’arte, con caratteristiche e forme di culto uniche, molto vive e seguite dalla gente.

Geografia

Nelle remote regioni del sud risiede un gran numero di etnie con abitudini tra loro diversissime, anche se spesso fisicamente poco distanti. Dai socievoli ed aggraziati Benna e Hamar agli agguerriti Mursi e Surma, conosciuti per i piattelli labiali, ed ai poverissimi Dassanech. Ad est la frattura del continente africano forma una depressione desertica con fenomeni vulcanici sorprendenti, la Dancalia, tra laghi salati, caldere ribollenti e pozze policrome, abitata dagli intrattabili Afar, resi diffidenti da un ambiente decisamente inadatto alla vita. Dove si è a contatto con la genesi geologica del nostro pianeta. La peculiarità dei luoghi è tale che molti hanno la sensazione di esservi giunti con una navicella spaziale piuttosto che in jeep!

Il relatore

Alessandro Zuzic ha fondato Amitaba nel 2000 mettendo a frutto una vita dedicata all’esplorazione del mondo, corroborata da studi universitari nelle scienze sociali. Questa scelta è nata dall’aver visitato un gran numero di Paesi e molte aree remote del mondo, dalla Patagonia all’Alaska, all’Africa e ai suoi deserti. Ha esplorato in modo approfondito l’Asia e in modo particolare l’India, l’intero arco himalaiano e il Tibet. Tutto accompagnando la dettagliata conoscenza geografica a un appassionato studio della cultura vedica e buddista, di cui è giunto a condividere i contenuti.

Leggi anche:  Edizione da incorniciare per Calici di Stelle

Esplorazioni

In decenni di esplorazioni e viaggi ha anche avuto l’opportunità di entrare in contatto con persone di riferimento nelle culture di cui è stato ospite e di partecipare a tantissimi eventi del ricco folclore offerto da questi luoghi. In Italia ha organizzato vari eventi culturali per contribuire alla conoscenza del mondo himalaiano. Con conferenze, mostre e invitando anche ospiti di riferimento, tra cui il gyalpo (re) dello Zanskar e l’abate della scuola tibetana Jonangpa.

Collaborazioni

Collabora in diverse attività di aiuto alle popolazioni himalaiane in Ladakh e Zanskar, in Tibet nord orientale e Mongolia, ed è anche stato più volte ospite del governo bhutanese per contribuire ad un esame delle opportunità turistiche del Paese. Ha percorso un’infinità di sentieri in aree remote e in alta quota, è stato il primo visitatore ad aver esplorato alcune valli himalaiane ed ha compiuto molte salite alpinistiche. In Italia è stato tra i primi a volare in parapendio, ha corso nella Coppa del mondo di sci di velocità (chilometro lanciato) ed è istruttore di arti marziali.