Incontro da non perdere quello in programma a Chiuro giovedì 13 settembre alle ore 20.45 presso l’auditorium comunale “Valtellinesi nel mondo” all’interno del Grappolo d’Oro: Marilisa Allegrini, responsabile marketing dell’azienda dal 1600 produttrice di vini noti in tutto il mondo, affronterà un argomento più che mai d’attualità in Valtellina testimoniando la sua esperienza in tema di arte, vino e ospitalità.

Case history Allegrini e Villa Della Torre

“L’arte a servizio del vino, il vino a servizio dell’arte: la case history Allegrini e Villa Della Torre” è il titolo scelto per l’incontro moderato da Giacomo Mojoli che svelerà gli elementi alla base del successo di Villa Della Torre, villa veneta della Valpolicella risalente al 1558 che oggi accoglie ospiti da tutto il mondo nelle 10 Luxury Room dedicate a vini eccellenti e personaggi che hanno fatto grande la Villa, degustazioni ed eventi di prestigio. Un importante momento di confronto inserito quest’anno nel programma del Grappolo d’Oro, ideato per stimolare la crescita in un settore che sta ricevendo sempre più attenzione in Valtellina e che promette di essere cruciale per lo sviluppo in valle di un turismo contemporaneo sempre più alla ricerca di esperienze.

Leggi anche:  Affinamento in alta quota, cosa cambia per i vini?

Bellezza, arte, paesaggio e vino

Così il vino valtellinese, che tanti riconoscimenti sta ricevendo in Italia e nel mondo, si candida con sempre più convinzione come capofila di un movimento che vuole promuovere un patrimonio naturale fatto di oltre 2.500 chilometri di muretti a secco e oltre mille anni di storia, con ricadute per l’intero comparto turistico. Bellezza, arte, paesaggio e vino saranno i protagonisti anche del prossimo appuntamento promosso dal Consorzio Vini Valtellina: venerdì 21 e sabato 22 settembre, nei palazzi storici di Chiavenna, il Valtellina Wine Festival (valtellinawinefestival.it) proporrà due giornate all’insegna dei migliori vini valtellinesi e di tutto il panorama nazionale. Oltre alle degustazioni, accompagnate anche dai prodotti tipici locali, da non perdere laboratori, conferenze e cucina di qualità.