Anche questa XX Edizione è giunta al termine. Si può sicuramente dichiarare che complice una Chiareggio “baciata” da un caldo sole settembrino, questa edizione ha dimostrato una vitalità senza pari. Quasi diecimila persone nelle due giornate hanno passeggiato e degustato i prodotti dell’Alpe in esposizione nella via centrale della perla della Valmalenco.

La Festa dell’Alpeggio

“Due giornate che hanno visto un successo senza precedenti anche dei laboratori didattici pensati dal Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco per far conoscere al meglio le antiche tradizioni degli alpeggi. Una partecipazione così elevata che il laboratorio “Il formaggio lo faccio io” è stato ripetuto, grazie alla presenza di un centinaio di bambini, più volte nella mattinata. – racconta il direttore del COnsorzio Turistico Roberto Pinna – I dodici alpeggi della Valle hanno sfoggiato al meglio, non solo i loro prodotti ma anche le vere regine dell’Alpe
Per la cronaca la “Miss” di quest’anno e la Gilda dell’Alpe Oro decretata dopo uno spoglio delle 1670 schede votate dai presenti. Al miglior “Scimut” il primo premio decretato dalla commissione dell’Onaf è risultato quello prodotto all’Alpe Prabello – Az. Agricola Negrini Maurizio. A questo punto che dire…. al 2020 per la XXI° edizione della Festa dell’Alpeggio, a Chiareggio in Valmalenco la terza settimana di settembre.
Il patrimonio culturale che questa manifestazione offre dovrà essere sempre di più tutelato, promosso e soprattutto sostenuto dal territorio, di modo che la tradizione perduri nel tempo e non vada persa.

Leggi anche:  Inaugurata a Monza la più grande città fatta di mattoncini Lego

LEGGI ANCHE: In 3000 per la Sagra del Bitto FOTO

TUTTE LE FOTO SU CENTRO VALLE IN EDICOLA SABATO 21 SETTEMBRE 2019