Ritorna l’appuntamento “la Riserva raccontata ai bambini”: sabato 19 ottobre e sabato 26 ottobre, due pomeriggi nello spazio del Centro Didattico e Scientifico di Cascina Poncetta sono l’occasione preziosa e gradevole per rinnovare la conoscenza di un patrimonio naturalistico tra i più significativi del nostro territorio. La Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola tra i colori dell’autunno ospita l’attività scientifica dell’inanellamento dell’avifauna di passo. E propone una serie di attività da svolgere tutti insieme divertendoci.

Inanellatori

Ai bambini e ai ragazzi sarà spiegata dagli inanellatori presenti in Riserva, presso il Centro Didattico Cascina Poncetta, la finalità e la funzione dell’attività dell’inanellamento che consiste nella posa di reti specifiche idonee alla cattura dolce e temporanea degli uccelli in transito, per poter procedere con la loro registrazione, la verifica del loro stato fisico (peso, misurazione, stato di idratazione) e l’inserimento del piccolo anello con riportato il codice della Riserva, per attestare il monitoraggio e certificare il proprio passaggio nel territorio. Talvolta vengono intercettati esemplari inanellati presso altre stazioni, talvolta molto lontane da qui, che proseguono poi per lunghe latitudini il loro viaggio. Con il codice è possibile “geo localizzare” il loro percorso e i tempi impiegati, entro i quali lo hanno coperto. Ogni inanellatore ha l’obbligo di trascrivere tutti i dati dell’avifauna catturata su un apposito schedario che poi viene trasmesso alla memoria centrale dell’Ispra: Istituto Superiore per la ricerca e la protezione ambientale.

LEGGI ANCHE: La Valchiavenna si presenta in fiera

Riserva Naturale Pian di Spagna

La Riserva Naturale Pian di Spagna è una delle stazioni scientifiche di inanellamento più importanti e grandi del Nord Italia. Punto di riferimento per la raccolta di significativi e preziosi dati sulla tipologia di avifauna in migrazione attraverso le rotte del Nord Europa e dei Paesi caldi. Un viaggio impegnativo e lunghissimo, ancorchè affascinante, che gli esemplari compiono nell’arco di molti mesi. E la Riserva rappresenta un habitat ideale per la loro sosta e il loro riposo, tra i canneti e la vegetazione rigogliosa degli habitat acquatici e terrestri, racchiusi e protetti in questo magico luogo, silenzioso e protetto, dove ogni giorno si rinnova il canto della natura.

Leggi anche:  Ricerca scientifica, l'Europa che funziona

Con i bambini

I pomeriggi con i bambini e i ragazzi iniziano alle 14.30 con il ritrovo in Via Casello Sette a Dubino con le guide della Riserva. All’imbocco della strada ciclopedonale inizia la passeggiata in natura con gli approfondimenti e le spiegazioni. Molte le attività anche divertenti: laboratori di frottage con materiale di riciclo, tutti in cerchio per la lettura animata e per l’ascolto della natura. Il Gioco del cigno e il memory della natura. Alle 17.30 circa si ritorna verso Via Casello Sette.
Gli appuntamenti sono gratuiti. Per permettere una puntuale organizzazione del materiale didattico, si chiede solo la prenotazione. Nella speranza di avere un buon numero per vivere tutti insieme una nuova e bella avventura.
Per la conferma della prenotazione si puà telefonare allo 0344.84251; oppure 338.29.066.49. oppure ancora inviare una mail: info@piandispagna.it.