L’inaugurazione della mostra è in programma venerdì19 aprile alle 18, ma le opere di Valerio Righini sono già in bella mostra nel centro di Sondrio, un’esposizione in parte a cielo aperto capace di attirare l’attenzione dei sondriesi e suscitare la discussione. Comune di Sondrio e Museo Valtellinese di Storia e Arte hanno presentato nel corso di una conferenza stampa la mostra “Righini 50 e oltre”, una mostra antologica che racchiude oltre 50 anni di carriera dell’artista valtellinese.

Omaggio alla straordinaria carriera di Valerio Righini

“La città di Sondrio rende omaggio alla straordinaria carriera di Valerio Righini – ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di Sondrio, Marcella Fratta – ospitando le sue opere non solo a Palazzo Pretorio e Palazzo de’ Lavizzari, ma anche nelle vie e nelle piazze, per celebrare più apertamente il lungo amore di Righini per l’arte e la sua passione nel coltivare e esprimere il suo talento”.
Le opere, un’ottantina in tutto, sono infatti in mostra sia nelle sale espositive di Palazzo Pretorio e del Museo, ma anche per le vie del centro sondriese, in piazza Campello, piazzale Bertacchi, all’esterno di Palazzo Muzio, in via Dante e via Piazzi, solo per fare qualche esempio.

LEGGI ANCHE: Confartigianato Sondrio sostiene il progetto di AttivaMente

Leggi anche:  Eventi a Sondrio, il Comune cerca sponsor

Intreccio tra arte e tessuto urbano

“Un viaggio in cui l’arte si intreccia con il tessuto urbano – ha poi spiegato Alessandra Baruta, direttrice del Mvsa -. Il passante, senza rendersene conto, diventa egli stesso parte dell’esposizione, con le sensazioni e le emozioni che le opere riusciranno a provocare, in un continio inseguirsi di suggestioni”.

Grande area espositiva

A volere fortemente l’esposizione l’architetto Piercarlo Stefanelli: “Ho convinto l’amico Valerio Righini, forte del mio passato da amministratore per 50 anni e del grande amore che provo per la città di Sondrio – ha spiegato -. Mi piace pensare la città come una grande area espositiva, soprattutto ora che la pedonalizzazione ha guadagnato spazi sottraendoli alla mobilità veicolare”.
Poi, la parola all’artista, Valerio Righini. “Sto vivendo questa bella avventura – ha commentato -. Non è stato facile scegliere tra opere di 50 anni di attività”. L’inaugurazione, come detto, è in programma venerdì 19 aprile alle ore 18 nelle sale espositive di Palazzo Pretorio. Ci si sposterà poi al Museo Valtellinese di Storia e Arte. In programma ad aprile e maggio visite guidate alla mostra a cielo aperto e anche un vernissage con l’attrice Mira Andriolo tra le opere in centro città.