Successo della Festa dei Pastori

Successo della Festa dei Pastori

La Festa dei Pastori all’alpe Piazza per la Pro Loco Valle del Bitto di Albaredo è uno dei modi di esprimere, di confermare la vicinanza a chi lavora ancora nelle terre alte e l’esplicito riconoscimento del valore di una attività che è ancora parte importante, fondamentale delle radici della cultura alpina-contadina. Il distintivo dell’associazione è da sempre la semplicità, la cultura del territorio, le tradizioni.

Il programma

La messa, in un contesto intimo e riservato, è stata celebrata da don Fabio Falcinella alla “Baitela” con l’accompagnamento sonoro della malga al pascolo e come sfondo l’anfiteatro di granito della Valmasino. Il presidente, Ettore Del Nero, in un intervento breve ma intenso ha ricordato l’impegno della Pro Loco a favore del territorio e delle attività tradizionali della valle di Albaredo: “siamo qui ancora una volta per ricordare chi con il duro lavoro ha consegnato a noi un ambiente incomparabile ricco di storia e pregno di fatiche dei nostri padri che oggi appaiono sempre più vanificate e mortificate da scelte che stanno spopolando a poco a poco i nostri alpeggi, i maggenghi e le nostre valli. Siamo qui per testimoniare la vicinanza ai pastori, ai lavoratori delle Terre Alte per la grandezza del loro lavoro mai abbastanza gratificato”.

Leggi anche:  Ad Aprica una serata dedicata alla viticoltura eroica

Il ritorno alle origini

“Per l’edizione 44 della manifestazione siamo ritornati alle origini riconducendo la manifestazione all’incontro con i pastori dell’alpeggio. Per loro, al rientro dall’attività di accudimento del bestiame, abbiamo cucinato e preparato un pranzo semplice. Seduti alla tavola imbandita c’erano il caricatore dell’alpe Isidoro Motta, i pastori Mario Mazzoni e Ivo Mazzoni, il casaro Flavio Mazzoni, il cascin Idris Tamzit, il casiner Eugenio Motta, tra formaggio grasso d’alpe, ricotta, fiurin, “la basla”, latte e polenta taragna… in parte destinati anche alla degustazione dei presenti.
L’assaggio del formaggio prodotto in alpeggio da parte del casaro e la successiva degustazione ne hanno confermato la riconosciuta valenza e l’eccezionale pregio. Innovare nella tradizione è il motto dell’Azienda Agricola Motta Isidorio che da alcuni anni gestisce la malga dell’alpe Piazza. La manifestazione ha ancora una volta dimostrato che non sono i grandi numeri a fare qualità, bensì i contenuti ovvero una condivisione, una presa d’atto che l’attività dell’alpeggio, la degustazione di produzioni tipiche, l’ambiente costituiscono un valore aggiunto per un territorio”.