Un momento pubblico.

Sondalo: presentata la nuova Scuola dell’Infanzia “Il Glicine”

Giornata “Porte Aperte” a Sondalo destinata alla presentazione dei nuovi spazi, completamente ristrutturati, della Scuola dell’Infanzia. Si tratta del primo intervento completato, fra quelli finanziati con i fondi delle strategie di Aree Interne e destinati all’Alta Valtellina. E’ stata realizzata una scuola completamente rinnovata. 4 aule scolastiche per sezione, 2 saloni spazio movimento, 1 saletta anticipatari e riunioni, 1 sala per biblioteca e lettura e 1 sala ricreativa. Nuovi serramenti elettrici regolabili, 1 ascensore, nuovi bagni a misura di bambini e per i disabili, un nuovo ingresso colorato e un nuovo giardino.

Costi

Il costo complessivo è di circa 700.000 € dei quali 235.000 € messi a disposizioni dai Fondi Aree Interne, 350.000 € da risorse comunali sbloccati dal bilancio (dal vincolo del patto di stabilità) grazie alla deroga del Governo “Sblocca-Scuola” e 65.000 € della Comunità montana. Con questo intervento, interamente condiviso in tutte le fasi con le insegnanti, si sono recuperati gli ex appartamenti lasciati vuoti dalle suore, così da creare nuovi spazi per i bambini, in un unico edificio. Per decidere le facciate della scuola, che ora splendono di un tenue azzurro, il Comune è passato per il coinvolgimento della cittadinanza attraverso un sondaggio lanciato sulla pagina Facebook.

Leggi anche:  Semestrale Bps: l'utile netto arriva a 74,2 milioni

Il sindaco

Sono stati moltissimi i cittadini, i nonni, i genitori e i ragazzi che sono accorsi a visitare la nuova Scuola dell’Infanzia. “Molto commovente – dichiara il sindaco Grassi – è stato percepire l’evidente entusiasmo delle insegnanti di oggi e di ieri che sono accorse alla presentazione”. Un altro momento importante è stato il taglio del nastro e la consegna delle chiavi alle dirigenti scolastiche Luisa Porta (dirigente fino a settembre 2017 che ha iniziato a condividere il progetto) e l’attuale Elena Panizza.

Ringraziamenti

Il Comune di Sondalo ringrazia il progettista Matteo Zubiani e i suoi collaboratori, la responsabile dell’Ufficio Tecnico Patrizia Mitta Lindo e i dipendenti comunali che hanno seguito i lavori e provveduto ai traslochi. Poi tutte le ditte che a vario titolo hanno lavorato alla struttura e tutta scuola. Poi le insegnanti, le famiglie e i bambini dell’Infanzia per la pazienza dimostrata in questi mesi.