È stata Chiavenna a ospitare nella mattinata di oggi, venerdì 28 settembre, l’ottava edizione dell’annuale convention di Asconfidi Lombardia. Alla presenza di oltre un centinaio di partecipanti, tra cui amministratori, dirigenti, funzionari e collaboratori di Asconfidi Lombardia, dei suoi soci e dei Confidi interessati ai nuovi processi organizzativi, sono stati affrontati i temi del credito per le imprese lombarde e le prospettive del mercato della garanzia nella nostra regione. La convention si è tradotta in un’occasione di rilievo per soffermarsi sulle dinamiche in atto nel mondo del credito e per analizzare i bisogni delle aziende.

Credaro e Del Curto hanno fatto gli onori di casa

A fare gli onori di casa la presidente dell’Unione del Commercio e del Turismo Loretta Credaro e il presidente di Sofidi Sondrio Marino del Curto. «È per me un onore – ha detto Credaro – aprire i lavori di questo importante appuntamento e, in veste di presidente di Confcommercio Sondrio, desidero sottolineare che il rapporto tra Associazioni di Categoria e Confidi deve essere simbiotico, a tutto vantaggio delle nostre imprese socie». Come sottolineato dal presidente di Sofidi Sondrio Del Curto, la scelta di Chiavenna quale sede dell’evento ha offerto l’opportunità di inserire i lavori in un contesto di promozione turistica della Valchiavenna e, più in generale, della destinazione Valtellina, con particolare risalto ai prodotti enogastronomici locali. «I nostri Confidi – ha dichiarato Del Curto – devono giocare un ruolo di primo piano nella diffusione di una maggiore cultura finanziaria d’impresa, proponendosi non più come semplici garanti di singole operazioni, ma come soggetti in grado di accompagnare e consigliare l’impresa nella scelta delle fonti di finanziamento più opportune. Un cambio di visione che implica necessariamente un nuovo approccio e una diversa mentalità nell’affrontare il quotidiano rapporto con le imprese socie».

I relatori

Hanno quindi preso la parola Carlo Alberto Panigo ed Enzo Ceciliani, presidenti rispettivamente del Consiglio di Sorveglianza e del Consiglio di Gestione di Asconfidi. Sono inoltre intervenuti il presidente di Federascomfidi Paolo Ferrè, il segretario regionale di Confcommercio Lombardia Giovanna Mavellia e il direttore vicario dell’assessorato allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Cesare Meletti.

Cos’è Asconfidi?

Asconfidi Lombardia è una cooperativa senza scopo di lucro, che si occupa di fornire garanzie per agevolare la concessione di finanziamenti alle aziende. Si tratta di una realtà di grande rilevanza, con un bacino di circa 60mila Micro, Piccole e Medie imprese socie e che, ad oggi, conta 16 Confidi affiliati (Ascomfidi Brescia, Ascomfidi Cremona, Ascomfidi Varese, Co.Fidi Milano, Cooperativa Artigiana Lombardia di Garanzia Milano, Fidicomet Milano, Fidicomtur Como, Fiditer Mantova, Fogalco Bergamo, Fondo di Garanzia Lecco, Sofidi Sondrio, Coopgara Procredito C.I.A.S. Milano, LIA Eurofidi Bergamo, Assopadana Fidi Brescia, Ascomfidi Pavia e Ascomfidi Novara). La società opera attualmente con circa 60 istituti di credito; al 30 giugno risultavano attive oltre 8mila operazioni per un controvalore finanziato pari a circa 400 milioni di euro – dei quali oltre il 21% perfezionato in favore di imprese della nostra provincia – e un rischio complessivo garantito pari a oltre 210 milioni di euro. In crescita al 69,25% il Coverage Ratio, indicatore che esprime il grado di copertura dei rischi assunti dalla società, mentre si assesta al 18,75% il Total Capital Ratio, rapporto che esprime la solidità patrimoniale della società; valore minimo 6%.

Leggi anche:  Confartigianato guarda al futuro, "Quelli del Si" FOTO

L’importanza del suo ruolo

(continua)

Tutti dati che non fanno che ribadire l’importanza del ruolo dei Confidi nel supportare le piccole e medie imprese facilitandone l’accesso al credito e, in questo modo, offrendo loro l’opportunità – nel contesto di una situazione economica ancora complessa – di cogliere, laddove possibile, le embrionali occasioni di ripresa che pure si cominciano a intravedere. In particolare, l’incontro è servito per mettere a fuoco le linee strategiche di comune indirizzo per i Confidi, sullo sfondo di un quadro normativo del settore rinnovato e di un mercato finanziario in continua e rapida evoluzione.

Le prospettive

Le prospettive? Il presidente del Comitato di Sorveglianza Carlo Alberto Panigo ha posto l’accento sullo sviluppo dell’attività di Asconfidi e sulla necessità di continuare a crescere per rispondere ai mutamenti del contesto finanziario e alle esigenze delle imprese socie. Partendo dalle osservazioni di Banca d’Italia, il presidente del Consiglio di Gestione Enzo Ceciliani ha invece illustrato le novità che interesseranno la gestione della società. Il segretario regionale di Confcommercio Lombardia Mavellia si è soffermata sulle difficoltà delle imprese nel fronteggiare i cambiamenti del sistema, ringraziando peraltro Regione Lombardia per l’attenzione dimostrata nei confronti del mondo del commercio e del turismo e di quello dei Confidi. Il direttore vicario dell’assessorato allo Sviluppo economico Meletti ha sottolineato l’importanza dell’ascolto delle istanze che giungono dal territorio e dagli operatori, confermando l’attenzione al mondo del credito e la volontà di avviare il nuovo sistema regionale di garanzie (cosiddetto ‘lettera R’). Infine, il presidente di Federascomfidi Ferrè ha parlato dell’importanza della coesione e dello spirito di gruppo, delineando le linee di sviluppo dell’attività.