Tre incontri per approfondire gli impatti della Brexit. E’ la proposta congiunta di Banca Popolare Sondrio e British Language Centre.

Il ciclo “The Brexit Talks”

La Banca Popolare di Sondrio e il British Language Centre, facendo proprio lo slogan “think global, act local”, organizzano la rassegna denominata “The Brexit Talks”. Si tratta di tre incontri pubblici che si svolgeranno nella sala conferenze Fabio Besta di Sondrio dalle 17.30. Sono finalizzati ad approfondire gli impatti della Brexit grazie agli interventi di tre profondi conoscitori del mondo universitario e della ricerca, della corporate governance che sovraintende la vita aziendale e della “City”, cuore pulsante della finanza internazionale.

Il calendario degli appuntamenti

Si comincia venerdì 15 febbraio con il professor Stuart Corbridge (Vice Chancellor di Durham University) che parlerà sul tema “Brexit and Higher Education”. Quindi, venerdì 1 marzo, Paul Gerard Marsland (Ricercatore sulla Corporate Governance, City of London) proporrà una riflessione dal titolo “Brexit and Corporate Governance”. Infine, venerdì 22 marzo, Joseph Chambers (Operatore finanziario presso primaria società di investimento con sede a Londra) parlerà di “Brexit: the Financial Implications”.

Il primo incontro in programma

Il primo appuntamento sarà incentrato sul sistema di formazione universitario del Regno Unito, generalmente considerato tra i migliori al mondo per quanto riguarda sia alla didattica sia alla ricerca. Il professor Stuart Corbridge risponderà alla domanda “Cosa cambierà dopo la Brexit?”, attraverso l’analisi del contesto politico e sociale che ha portato all’uscita della Gran Bretagna dall’Europa, i riflessi sul sistema educazionale e in particolare sui progetti di interscambio culturale quali Erasmus, Socrates e Comenius.

Leggi anche:  Tentò di fare una strage ai mercatini, lascerà il carcere

Incontri in inglese e senza traduzione

Gli incontri saranno tenuti in lingua inglese, senza l’ausilio della traduzione simultanea, offrendo così pure un momento di approfondimento della propria conoscenza linguistica. Gli incontri sono di sicuro interesse per coloro che vogliono interloquire con chi vive direttamente, in prima persona, questo evento storico e riflettere sulle dinamiche e sulle prospettive che lo caratterizzano. Quello di venerdì 15 febbraio potrà essere di particolare ausilio per gli studenti universitari e delle scuole superiori e per gli insegnanti coinvolti in progetti di interscambio culturali e formativi. Un’opportunità da non perdere per chi vuole ascoltare, rigorosamente in inglese, relatori britannici di elevato standing che intratterranno il pubblico sull’attualissimo tema della Brexit e del suo impatto su differenti tematiche di carattere sociale ed economico: il sistema universitario inglese e i progetti europei di interscambio culturale, la gestione aziendale, la finanza.