La Banca Popolare di Sondrio organizza il prossimo martedì 14 maggio, dalle 9 alle 13, presso il proprio Servizio Internazionale a Sondrio, un seminario di presentazione delle opportunità offerte dal mercato della Cina alle imprese italiane.

Ecco quanto vale il business in Cina

Il 3% del totale esportato dall’Italia nel 2018, pari a circa 13,7 miliardi di euro è andato in Cina, quarto mercato di destinazione delle nostre merci dopo l’Unione Europea, gli Stati Uniti e la Svizzera. Tra i principali prodotti venduti in Cina si annoverano macchinari e apparecchiature; articoli di abbigliamento; articoli in pelle e pelliccia; prodotti chimici; prodotti farmaceutici; autoveicoli, rimorchi e semirimorchi. Nel contesto delle importazioni da altri Paesi, invece, la Cina è seconda solo all’Unione Europea con il 7,1% del totale importato dall’Italia, pari a 30,78 miliardi di euro nel 2018, principalmente computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi; macchinari ed apparecchiature elettriche; articoli di abbigliamento, in pelle e pelliccia; apparecchiature per le telecomunicazioni.

La Bps dispone di un desk sulla piazza di Shanghai

L’evento di martedì sarà presieduto dalla referente dell’Ufficio della Bps sulla piazza di Shanghai e dai rappresentanti dell’Istituto Affari Internazionali, della Camera di Commercio Italo-Cinese, della Sace e della Simest. La Banca Popolare di Sondrio dispone di un desk sulla piazza di Shanghai a disposizione della clientela che opera in Cina oppure che intende avviare nuovi affari in quel mercato che è considerato strategico per diversi settori.

Leggi anche:  Pubblici Esercizi, Ghisla confermato presidente per acclamazione

Come partecipare all’iniziativa

La partecipazione delle imprese è gratuita previo accreditamento entro il 10 maggio tramite l’apposito modulo on-line disponibile sulla community http://agora.popso.it. La presentazione si terrà presso il Servizio Internazionale della “Popolare” a Sondrio, ma sarà possibile seguirle anche in videoconferenza dalle sedi periferiche collegate di Bergamo, Bologna, Bolzano, Breno, Brescia, Como, Genova, Lecco, Mantova, Milano, Monza, Pavia, Roma, Torino, Trento, Varese e Verona.