Il Credito Valtellinese ha chiuso l’operazione concordata con il sindacato per la gestione degli esuberi. Sono 219 i lavoratori coinvolti.

Credito Valtellinese: proseguono le azioni del Piano Industriale

Tra le azioni previste dal Piano industriale figurava l’accordo sindacale di Gruppo siglato lo scorso 16 aprile per la gestione degli esuberi attraverso l’utilizzo del Fondo di solidarietà per il settore del credito. Quello che prevedeva un piano di esodi anticipati destinato ad almeno 170 risorse che matureranno i requisiti pensionistici previsti entro e non oltre il 31 dicembre 2024. Concluso il periodo per l’adesione, sono pervenute 219 richieste. L’obiettivo previsto dal Piano industriale è stato così pienamente raggiunto esclusivamente con strumenti di carattere volontario. I 219 dipendenti accederanno alle prestazioni del Fondo di solidarietà con decorrenza 1 luglio di quest’anno.

I risparmi

La riduzione degli organici consentirà risparmi complessivi sul costo del personale per circa 9 milioni di euro per il 2018 e circa 18 milioni di euro annui, a partire dal 2019, a fronte di oneri per l’attivazione del Fondo complessivamente pari a circa 66,5 milioni di euro, interamente rilevati a conto economico nel corrente esercizio. Di questi, 57,5 milioni sono stati già spesati nel primo trimestre, mentre la restante parte sarà rilevata nel secondo trimestre. L’accordo siglato ad aprile prevede inoltre innovative misure in tema di conciliazione di tempi vita e tempo lavoro e assicura ulteriori risparmi di costi del personale pari a circa 13 milioni di euro, a regime, a seguito della ridefinizione dei trattamenti economico- normativi del personale.

Leggi anche:  Semestrale Creval, Selvetti: "Concluso il processo di turnaround della Banca"

Chiuse anche 50 filiali a fine maggio

E sempre sul fronte degli obiettivi previsti dal Piano industriale, ma relativamente alla razionalizzazione della rete, Creval ha chiuso il 27 maggio scorso 50 sportelli, in linea con quanto annunciato in precedenza. La ristrutturazione della rete è pertanto sostanzialmente conclusa e sono stati raggiunti gli obiettivi di efficientamento previsti nell’ambito del Piano Industriale.