Le nostre imprese hanno agganciato la ripresa. Lo dicono i dati dell’osservatorio rapido di Confindustria Lecco Sondrio e Unindistria Como.

Abbiamo agganciato la ripresa: i dati

Segnali positivi dai dati dell’Osservatorio Congiunturale relativo al primo semestre 2017  che mostrano un quadro in miglioramento. Gli indicatori associati a domanda, attività produttiva e fatturato evidenziano un incremento su entrambi gli orizzonti temporali di riferimento. Il confronto con i primi sei mesi del 2016 mostra infatti una variazione tendenziale di circa il 2,1%, con andamenti omogenei per i tre indicatori. Il dato congiunturale, misurato rispetto ai livelli della seconda metà dello scorso anno, si attesta invece a quota 3,4%, al di sopra delle previsioni formulate in occasione della precedente edizione dell’Osservatorio (+1,3%).

Bene uso di impianti, vendite ed export

L’analisi del tasso medio di utilizzo degli impianti produttivi evidenzia un incremento rispetto ai livelli del semestre precedente di circa 4 punti percentuali, passando dal 65,4% dello scorso anno al 69,6%. Negli ultimi mesi del semestre le vendite delle imprese del campione hanno registrato una fase positiva. I giudizi espressi riguardo l’andamento del fatturato sono improntati alla crescita per oltre quattro imprese su dieci, sia sul mercato domestico (46,3%), sia per quanto riguarda l’export (41,6%). Le esportazioni determinano circa un terzo del fatturato totale (31,4%). Stabili i livelli occupazionali e i rapporti con gli istituti di credito.

Leggi anche:  La Banca Popolare di Sondrio apre oggi la seconda agenzia di Parma

Il commento del presidente Riva

Il presidente di Confindustria Lorenzo Riva commenta: “I dati rilevati per le province di Lecco e Sondrio ci restituiscono un quadro dove gli indicatori vanno finalmente tutti nella direzione del miglioramento, anche se con variazioni di entità mediamente contenuta e una situazione ancora variegata”.

E quello del direttore Sirtori

Il direttore Giulio Sirtori aggiunge: “Sicuramente per il nostro territorio è ancora una volta strategica la vocazione all’export, che sta dando risultati interessanti. Dal nostro osservatorio vediamo però anche che molte imprese sono particolarmente attive sul fronte della digitalizzazione e nel cogliere le occasioni offerte dai molti bandi e incentivi di questi periodo”.