Iran più vicino con la Banca Popolare Sondrio. Si è infatti conclusa con successo la missione organizzata per un gruppo di aziende.

Iran più vicino con quattro giornate intense

Quattro intensi giorni di lavoro e incontri bilaterali con aziende iraniane. Tutte preventivamente e accuratamente selezionate. Un viaggio che ha consentito ai partecipanti di porre solide basi allo sviluppo di nuove relazioni d’affari con un mercato affamato di tecnologia e di prodotti Made in Italy. L’iniziativa è stata organizzata dalla Bps in collaborazione con Promos Milano e QuarkUp, società con ufficio operativo a Teheran. Piena soddisfazione è stata espressa da tutte le aziende partecipanti. E anche dagli organizzatori, presenti in prima persona durante le giornate di incontri.

Banca Popolare Sondrio protagonista

I rappresentanti della Banca Popolare di Sondrio hanno infatti avuto l’occasione di visitare numerose banche iraniane. E’ servito per sviluppare ulteriormente le relazioni finanziarie nel Paese  a beneficio della propria clientela.

Il commento

Il vice direttore generale della Bps Mario Erba spiega: “Quando ancora si parlava poco del mercato iraniano la nostra banca ha sviluppato all’interno del proprio Servizio Internazionale un settore dedicato esclusivamente alle transazioni commerciali con l’Iran. Lo ha fatto diversi anni fa per assistere le imprese clienti durante il periodo delle sanzioni. Oggi, grazie alla sospensione di buona parte delle restrizioni, gli scambi commerciali tra Italia e Iran si stanno intensificando. Non dimentichiamo tuttavia che sul Paese sono tutt’oggi vigenti provvedimenti, limitazioni e divieti di varia natura. E che quindi il supporto di una banca specializzata come la Bps diventa estremamente importante per le aziende che intendano operare nel pieno rispetto dei regolamenti. Il viaggio d’affari a Teheran ha confermato la vicinanza della nostra banca alla propria clientela. Auspichiamo che da questa missione le aziende possano trarre concreti vantaggi commerciali”.

Leggi anche:  Formazione professionale in Valtellina, Confartigianato e Ufficio Scolastico a confronto