Ieri mattina, venerdì 23 novembre 2018, il dirigente dell’Ust di Sondrio, Fabio Molinari, ha fatto visita alla scuola Primaria di Villapinta dell’Istituto Comprensivo di Ardenno da poco “rimessa a nuovo”. Insieme a lui il collega Luca Volontè, dirigente dell’Ust di Lecco. Presenti durante la visita al plesso scolastico anche il sindaco di Buglio in Monte, Valter Sterlocchi, il dirigente scolastico dell’Ic di Ardenno, Elisa Gusmeroli, e il Direttore dei servizi generali e amministrativi (Dsga) dell’Ic di Ardenno, nonché assessore del Comune di Buglio, Piero Feruda.

Realtà interessante

“Sono felice di aver toccato con mano una realtà interessante come questa – ha dichiarato il dirigente Ust di Sondrio, Fabio Molinari –. La scuola di Villapinta può vantare spazi efficienti e al passo coi tempi, indispensabili per consentire agli alunni di vivere serenamente la propria vita scolastica in un ambiente sano, sempre più accogliente, ed estremamente funzionale alle attività educative. Tra le altre cose ho potuto constatare come gli standard qualitativi della didattica siano elevati e questo non può che rendermi orgoglioso del lavoro che quotidianamente viene svolto con passione dagli insegnanti e da tutto il personale”.

Leggi anche:  Domenica a Sondrio la Giornata dell'Artigianato

Refettorio, palestra e aula d’informatica in un unico complesso

“Come Amministrazione comunale siamo molto soddisfatti della visita e delle attenzioni ricevute – ha aggiunto Valter Sterlocchi, Primo cittadino di Buglio in Monte –. I dirigenti hanno avuto modo di rendersi conto dell’impegno perseverato dal nostro Comune nella realizzazione di un plesso scolastico nel quale, grazie alla collaborazione delle aziende del territorio, siamo riusciti a concentrare refettorio, palestra e aula d’informatica in un unico complesso. Siamo lieti di aver rivisto il dottor Volontè con il quale anni fa abbiamo avuto modo di ottenere l’indirizzo del “tempo pieno” grazie al quale, oltre ai bambini residenti a Buglio in Monte, la scuola è in grado di ospitarne anche altri provenienti dai Comuni limitrofi tanto che attualmente ne conta oltre un centinaio”.

LEGGI ANCHE: Monsignor Bruguès al Piazzi Perpenti di Sondrio