Nato come semplice occasione di incontro conviviale, il tradizionale pranzo per gli auguri di Natale degli iscritti all’Ordine Ingegneri della Provincia di Sondrio è ormai diventato un avvenimento che coinvolge anche le realtà vicine. Lo dicono i numeri della festa che si è tenuta sabato al Grand Hotel della Posta di Sondrio. Ben centoquaranta persone presenti, ospiti in rappresentanza degli Ordini di Lecco, Como, Varese e Pavia, sedici professionisti premiati.

Ordine Ingegneri: il commento del presidente

Il presidente Marco Scaramellini ha commentato: “Voglio sottolineare soprattutto la presenza di tanti colleghi giovani, a conferma della volontà del nostro Ordine di favorire l’attività di chi si avvia alla professione. Ma non nego che mi hanno fatto molto piacere i messaggi di ringraziamento che ci sono arrivati dai professionisti che hanno fatto la storia dell’ingegneria in provincia. E che sabato hanno avuto l’occasione per rivivere tutta la propria carriera”.

Un seminario prima della festa

La giornata si era aperta al mattino con il seminario “Internet of Things, Industria 4.0, Big Data Analytics, Tecnologie Smart” riservato agli iscritti. Opportunità legate a Internet, innovazione e startup sono stati i temi analizzati dai relatori Marco Raimondi e Brigitte Pellei.

Leggi anche:  Alternanza scuola-lavoro, più risorse per le imprese

I premiati

Al termine del pranzo le premiazioni degli ingegneri di lungo corso ai quali il presidente Scaramellini ha consegnato una targa ricordo. Hanno festeggiato i 40 anni dalla laurea Sergio Bassanelli, Ferdinando Bondiolotti, Sergio Domenico De Campo, Vittore Della Moretta, Pierangelo Mazza, Sergio Morcelli, Giovanni Orietti e Doriano Paganoni. Traguardo dei 45 anni dalla laurea per Vasco Bonomi, Pierre Daskas, Piergiorgio Geronimi. Infine i decani, gli ingegneri che possono vantare il mezzo secolo di laurea. Sono Carlo Andreoletti, Giovanni Del Curto, Giuseppe Della Torre, Giancarlo Fascendini ed Emilio Galli.