Si è conclusa con successo la prima fase del progetto Sicuri in azienda, il progetto formativo dedicato agli studenti delle scuole superiori promosso da Confartigianato Sondrio e dalla sezione di Sondrio dell’Anmil.

Partners del progetto Sicuri in Azienda

Gli incontri formativi hanno visto impegnati tutti i partners del progetto : Global System, Free Work Servizi e Parmiani Noleggi. I numerosi incontri finalizzati ad accrescere la cultura della sicurezza e della prevenzione nei luoghi di lavoro hanno coinvolto diversi Istituti scolastici della Provincia.

Nove Istituti scolastici

In questa prima fase sono stati coinvolti 9 Istituti scolastici superiori : Istituto “Da Vinci” e il “Crotto Caurga” di Chiavenna, il “Nervi” di Morbegno, gli Istituti “Besta/Fossati”, “Quadrio/De Simoni”, “Mattei”, ‘Piazzi/ Perpenti’ e Istituto Agrario di Sondrio, l’Istituto “Pinchetti” di Tirano e l’Istituto “Alberti” di Bormio.

Mille studenti

Le lezioni svolte in questa prima fase hanno interessato più di mille studenti. Anche per l’edizione in corso del progetto ‘Sicuri in azienda’ si è rivelata efficace e coinvolgente la presenza alle lezioni con gli studenti di diversi artigiani (Faini Enrico, Ramponi Stefano, Sosio Fulvio, Fay Elena e Pedroni William) e dei soci dell’Anmil (Moreschi Riccardo, Ganassi Massimo, De Sanctis Andrea e Caligari Enzo) che hanno affiancato gli esperti con la loro preziosa testimonianza.

Leggi anche:  Banca Popolare Sondrio: oggi i risultati dei primi sei mesi 2018

Seconda fase

Come per le precedenti edizioni, il coinvolgimento di esperti e qualificati professionisti ha consentito di qualificare la formazione assicurata agli studenti (ai fini del riconoscimento della formazione) e di ampliare il raggio d’azione.
Al termine della seconda fase prevista per il mese di maggio saranno più di 2000 gli studenti coinvolti i quali – grazie alla formazione assicurata dal progetto – potranno presentarsi al mondo del lavoro con la formazione obbligatoria (in materia di sicurezza negli ambienti di lavoro) già assolta. L’edizione di quest’anno può contare sul sostegno e sul contributo di diversi enti fra cui la Fondazione ProValtellina.