Si è conclusa con la piena soddisfazione da parte dei partecipanti il viaggio d’affari in Cina a Shanghai organizzato ad inizio mese dalla Banca Popolare di Sondrio per la propria clientela.

Fare business in Cina

Il gruppo di imprenditori, operanti in diversi settori merceologici – alimentare e vino, ma anche accessori sportivi e dispositivi medici – ha avuto un fitto programma di incontri riservati con controparti cinesi interessate ai loro prodotti, per porre così le basi di possibili future collaborazioni commerciali. Durante la prima giornata è stata organizzata la visita alla Free Trade Zone di Shanghai, prima zona di libero scambio costituita in Cina nel 2005, approvata dal Consiglio di Stato, che offre numerosi vantaggi burocratici, doganali e valutari alle aziende straniere che intendono insediarsi sul territorio o utilizzare l’area come base per i Paesi asiatici vicini.

Importanti incontri per il settore agroalimentare

Le aziende dell’agroalimentare, inoltre, hanno incontrato i referenti dell’Import Food Association, che si sono resi disponibili ad assisterle per favorire l’ingresso dei prodotti italiani nel ricco ma altresì complesso mercato cinese.

Leggi anche:  Premiati i piccoli campioni di Eureka 2019

Il sostegno della Bps

Nel corso della missione, i partecipanti hanno anche avuto l’occasione di conoscere il personale dell’ufficio di Shanghai della Banca Popolare di Sondrio, che li potrà assistere successivamente nella gestione dei rapporti con le aziende cinesi. Ad accompagnare la delegazione imprenditoriale c’era anche un’addetta del Servizio Internazionale della Bps, che ha colto l’occasione per visitare le banche cinesi corrispondenti e infittire così la rete di relazioni bancarie e finanziarie che la banca mette a disposizione della propria clientela operante nel “gigante asiatico”.

Il commento di Mario Erba

“La nostra banca – spiega il vicedirettore generale e responsabile del servizio internazionale Mario Erba – è da sempre vicina alle aziende nei loro processi di internazionalizzazione. Sulla piazza di Shanghai abbiamo personale qualificato e disponibile a supportare gli imprenditori italiani nei loro affari in Cina”.