Il leader del Movimento Cinque Stelle e ministro degli Esteri Luigi Di Maio torna ad attaccare i centri commerciali e i negozi aperti alla domenica. E lo ha fatto oggi attraverso un post pubblicato sul suo profilo Facebook.

Un attacco che è arrivato direttamente attraverso i Social

“Dopo il decreto dignità e il decreto Riders, dobbiamo andare avanti come governo nella tutela delle persone che lavorano, come nel caso delle partite Iva e dei lavoratori dipendenti degli esercizi commerciali che, a causa delle liberalizzazioni, sono sprofondati nella giungla degli orari di apertura e chiusura, cercando invano di battere i centri commerciali, rimanendo aperti 12 ore al giorno e 7 giorni su 7”.

Lo scrive su Facebook il ministro e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, salutando la firma del dl riders(«che oggi è legge») e ricordando che «ci sono sempre più riders in ogni categoria, giovani e meno giovani senza orario di lavoro, persone senza “diritto alla disconnessione”, lavoratori che pur di lavorare sono disposti a non guadagnare, operai ricattati di essere sostituiti con una macchina, se non abbassano le loro pretese».

Leggi anche:  Eccellenze della Valtellina: Movimento 5 Stelle in visita con Giovanni Currò FOTO

Di Maio, ricordiamo, anche un anno fa aveva messo nel mirino l’apertura domenicale di negozi e centri commerciali e proposto un ripensamento delle liberalizzazioni introdotte dal  governo Monti.