Ci sarà anche una quota di energia gratis per la Valtellina. Lo stabilisce la legge approvata martedì sera dal senato. (LEGGI QUI I DETTAGLI)

Energia gratis e altri benefici per i territori

Le Regioni potranno chiedere a costo zero una parte dell’energia prodotta su tutte le grandi derivazioni, che potrà essere utilizzata nell’ambito dei servizi pubblici, ad esempio per gli ospedali di Montagna. Energia che per almeno il 50% dovrà essere destinata alle Province che ospitano le dighe. L’emendamento inserito nel Decreto Semplificazioni inoltre prevede canoni aggiuntivi nel tempo che decorre tra la concessione scaduta e la riassegnazione della stessa, e anche in questo caso dovranno essere destinati nella misura di almeno il 60% alle Province in cui sono presenti gli impianti.

Il commento di Sertori

Il punto centrale della nuova legge è il passaggio delle competenze dallo Stato alle Regioni. E l’assessore regionale all’Energia Massimo Sertori esprime la sua soddisfazione: “Sono molto soddisfatto perché siamo di fronte ad un risultato storico frutto di una sinergica collaborazione tra Regione, Governo e Gruppi parlamentari. Si tratta di un anticipo fattivo e tangibile dell’autonomia, che dimostrerà come le risorse vengano gestite al meglio se spese vicino al territorio in cui vengono generate. Finalmente, dopo anni di battaglie, restituiamo giustizia ai territori montani.”.

Leggi anche:  Elezioni comunali 2019, Forcola sceglie Bertolini

SU CENTRO VALLE IN EDICOLA DA SABATO 2 FEBBRAIO IL SERVIZIO COMPLETO.