“Facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro al nuovo segretario nazionale Nicola Zingaretti, ringraziando i suoi sfidanti Maurizio Martina e Roberto Giachetti; auguriamo anche buon lavoro a Donatella Di Zinno, che è stata riconfermata come membro dell’Assemblea Nazionale per il collegio Sondrio-Lecco.” dichiara in una nota il coordinamento del Circolo PD “Giulio Spini” di Morbegno e Bassa Valle a seguito dei risultati delle primarie aperte che hanno visto prevalere in tutti i seggi della provincia, tranne Ardenno, il governatore del Lazio.

LEGGI ANCHE: Primarie PD | i risultati in Provincia di Sondrio

Confermati i  seggi del 2017

“Oltre all’organizzazione, nelle settimane scorse, dell’unico evento pubblico dedicato al congresso in provincia, come Circolo abbiamo curato l’organizzazione dei seggi e dei volontari: nonostante il ponte di Carnevale siamo riusciti a confermare gli stessi seggi del 2017, pur con orari ridotti, in ben sette Comuni del mandamento – più di un terzo di quelli aperti su tutto il territorio provinciale. Ma il dato straordinario è stato quello della partecipazione, molto più alta delle previsioni e delle attese: da Dubino ad Ardenno, è stata una domenica di grande partecipazione e confronto, che non si è esaurito col voto ma ha trovato ossigeno nelle discussioni e nei confronti sul futuro del Partito democratico.”

Massimo sertori osservatore esterno

“Il nostro ringraziamento va dunque in primis alle decine di volontari che si sono dati i turni ai seggi, perché senza il loro impegno e la loro dedizione non sarebbe stato possibile fare nulla.” ricordano dal Circolo. “Spiace vedere che ci sia sempre qualcuno che debba cercare mal di pancia o qualcosa che non va per denigrare l’impegno corale di tutto il Partito, magari mettendosi a fare calcoli col bilancino senza tenere conto dei luoghi e degli orari di apertura dei seggi, ma siamo abituati a rispondere alle critiche – anche quando sono infondate – con un sorriso e delle proposte: partecipate anche voi. Allo stesso modo abbiamo invitato l’assessore regionale Massimo Sertori, che per fortuna ha tempo di occuparsi oltre che dei suoi impegni anche di quelli degli altri partiti, a partecipare alle nostre prossime primarie come osservatore esterno, così che possa toccare con mano non solo l’organizzazione e la gestione del voto, ma anche la passione e positiva serenità dei tantissimi militanti e simpatizzanti che si recano ai gazebo e, perché no, ne prenda magari spunto anche per il suo partito.”

Leggi anche:  Morbegno la più votata sui social, come premio riceve un boiler VIDEO

Strumento di partecipazione e democrazia

A margine di queste considerazioni, il segretario del Circolo e membro della Direzione provinciale Federico Gusmeroli ha commentato anche una delle evidenze più significative del voto di domenica: “C’è stata una forte differenze tra la fase delle convenzioni dei circoli e quella delle primarie aperte, nella quale a un posizionamento molto netto da parte della gran parte dei dirigenti locali e nazionali su Martina, ha fatto da contraltare un voto quasi plebiscitario su Zingaretti.” ha commentato Gusmeroli, segretario del Circolo e membro della Direzione provinciale. “In Valtellina il fenomeno è stato molto più eclatante che altrove (anche perché alle ultime primarie, invece, le percentuali di voto tra convenzioni e primarie aperte erano state molto simili), ma certamente quasi ovunque al forte impegno di parlamentari, consiglieri regionali, dirigenti in favore di uno o dell’altro candidato non è corrisposto il voto degli elettori delle primarie. È un dato significativo sul quale riflettere per trovare nuovi modi e differenti modalità di coinvolgimento e ascolto, ma che dimostra al tempo stesso la bontà della scelta del Partito democratico di organizzare le primarie: credo che, benché sicuramente alcuni aspetti siano sempre migliorabili, le primarie restino uno strumento fondamentale di partecipazione e democrazia, come dimostrato dalla straordinaria mobilitazione di domenica.”