Lo sport per tutti targato Uisp si ritroverà a Bormio (So) dal 9 al 17 marzo per l’edizione 2019 di NeveUisp, la settimana bianca organizzata dall’Uisp Neve.

Uisp Neve a Bormio

Si tratta di un appuntamento importante per gli amanti della neve e della montagna, esperti sciatori, semplici appassionati delle cime innevate ma anche per intere scolaresche. Il programma è molto articolato: attività di sci, pattinaggio sul ghiaccio, escursioni con ciaspole, arrampicata in palestra e su cascate di ghiaccio e altri tipi di sport che si possono praticare in palestra e sulla neve.

LEGGI ANCHE: Per Pasqua la neve di Livigno è in saldo con super sconti

“Tiro emotivo ancestrale”

“Quest’anno, grazie alla collaborazione dell’Uisp Lariano proporremo anche una interessante novità – spiega Bruno Chiavacci, responsabile neve Uisp – il “tiro emotivo ancestrale”, una specialità di tiro con l’arco di origine giapponese, praticata in costumi tradizionali. Chi vorrà potrà mettersi alla prova e sperimentare questa pratica”.

SCARICA IL PROGRAMMA DEFINITIVO

Martedì 12 e mercoledì 13 marzo, dalle 14 alle 18, l’ASD “Il Draghetto” si esibirà nella specialità arcieristica presso gli impianti della funicolare, per offrire al pubblico di Bormio, questa nuova attività in cui il tiro con l’arco si presenta come un’arte dal fascino storico e dalle sfumature “orientali”. Chi vorrà potrà cimentarsi con il tiro con l’arco sotto la guida di istruttori iscritti all’albo nazionale, che per l’occasione saranno vestiti con il kimono lungo. Sabato 16 e domenica 17 si terrà la 60° edizione dei campionati di sci alpino Uisp.

Leggi anche:  Chiusa definitivamente la strada dello Stelvio

Dedicato ai bambini

“NeveUisp è caratterizzata da una particolare attenzione per i bambini, che possono usufruire di un campo gioco attrezzato, ma anche per le famiglie. Per chi proprio non ne vuol sapere di cimentarsi con gli sci sono previste gite ed escursioni – aggiunge Chiavacci – avremo uno staff di circa venti persone composto da dirigenti ed operatori Uisp provenienti da molte regioni, in base alle loro particolari competenze”.