Sono stati presentati oggi a Milano i campionati regionali under 12 e under 16 di sci alpino che si terranno a Santa Caterina Valfurva.

I campionati regionali di sci alpino

Sono oltre 1200 i giovani che si sfideranno ai Campionati regionali di sci alpino in programma a Santa Caterina Valfurva (SO).  La gara, organizzata dalla Onlus Cancro Primo Aiuto, in collaborazione con l’associazione Oltre Cpa e con gli Sci Club di Lecco e della Valsassina, è stata presentata oggi in conferenza stampa, a Palazzo Lombardia, dall’assessore regionale allo Sport e Giovani Martina Cambiaghi e dal sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia con delega ai Grandi Eventi Sportivi Antonio Rossi. Per Regione Lombardia era presente anche l’assessore al Turismo Lara Magoni. Alla presentazione sono intervenuti anche la campionessa di sci Elena Fanchini, testimonial di Cancro Primo Aiuto, che si sta
riprendendo dopo l’infortunio che l’ha tenuta lontana dalle piste questa stagione, l’amministratore delegato della Onlus Cancro Primo Aiuto Flavio Ferrari e il team manager di Oltre Cpa Omar Galli.

In palio la qualificazione ai Campionati italiani

A contendersi il titolo di campione regionale di sci alpino, nelle due discipline di slalom gigante e slalom speciale, il 23 e 24 febbraio, saranno i ‘Pulcini under 12’ (Cuccioli, classi 2007/2008, e Baby, classi 2009/2010), mentre la sfida tra i ‘Children under 16’ (allievi, classi 2003/2004, e ragazzi, classi 2005/2006) è in programma dal 14 al 17 marzo. I ragazzi che si affronteranno sulle nevi di Santa Caterina Valfurva scieranno sulla pista intitolata a Deborah Compagnoni e scenario della Coppa del Mondo di discesa libera disputata nel 2017. Chi vince queste gare si qualifica per il Campionato Nazionale in programma ad aprile 2019 a Setriere.

Le parole dell’assessore Cambiaghi

“Ancora una volta – ha dichiarato l’assessore Cambiaghi – siamo in prima linea per valorizzare e
incentivare lo sport, ospitando in Lombardia i Campionati giovanili di sci alpino, grazie anche alla proficua collaborazione con Cancro Primo Aiuto. L’auspicio è quello di poter incontrare questi ragazzi con la maglia della Nazionale. Gli atleti che saranno in gara a Santa Caterina nelle diverse categorie potrebbero, nel 2026, e se a giugno arriverà la decisione positiva del Cio sulla candidatura di Milano e Cortina, diventare protagonisti dei Giochi Olimpici”.

Leggi anche:  Troppo forte Ebro Basket per la Pezzini

Antonio Rossi parla ai ragazzi

“Ai giovani dico provate, impegnatevi – ha dichiarato il sottosegretario Rossi – e, soprattutto, svagatevi senza avere il pensiero fisso di vincere. L’importante è divertirsi e coltivare quella passione che guida tutti gli sport. Anche se all’inizio ci sono difficoltà e non si vedono i risultati, basta migliorare i propri tempi e la tecnica senza scoraggiarsi perché con la grinta e con l’aiuto dei consigli delle persone più esperte si può arrivare a diventare grandi campioni. Le gare e i grandi eventi contribuiscono alla crescita della cultura sportiva e sono occasione per migliorare sempre di più le capacità organizzative e logistiche, che, insieme alla straordinarietà del nostro territorio, ci fanno ben sperare di vincere la candidatura delle Olimpiadi 2026”.

Sertori: “Occasione per mostrare cosa offre la montagna”

“Eventi come questi – ha commentato l’assessore valtellinese con delega alla Montagna Massimo Sertori – rappresentano un’occasione preziosa per mostrare a un ampio pubblico cosa di meglio ha da offrire la
montagna lombarda, non solo durante la stagione invernale, ma anche in quella estiva. E’ nostro impegno infatti sostenere tutte quelle iniziative volte a favorire l’offerta turistica integrata e i Campionati regionali di sci alpino, cui Santa Caterina Valfurva fa da teatro, ne sono un nobile esempio”.

Galli: “Festa per le famiglie che vivono lo sci”

“Un evento sportivo, ma anche una festa per tante famiglie che vivono il mondo dello sci – ha esordito Omar Galli -. Inoltre, una grande occasione per Cancro Primo Aiuto per far conoscere le numerose attività e i servizi che mette in campo a favore dei malati oncologici”.

Ferrari: “Sport e solidarietà”

“Sport e solidarietà è un binomio in cui crediamo da anni – ha spiegato Flavio Ferrari – e che ci ha permesso sia di raccogliere le risorse sia per portare avanti numerosi progetti sia per avvicinare a aiutare molte persone”.