Un super Riccardo Montani incide il proprio nome nell’albo d’oro della Doppia W Ultra 60. Nella gara in rosa, stravince la colombiana con passaporto americano Emily Schmitz. Caldo in quota, cambio percorso dell’ultimo minuto e comitato organizzatore costretto ai lavori straordinari per la bella gara transfrontaliera disegnata sulle vette di confine tra Svizzera e Italia.

Modifica al percorso

Dopo i sopralluoghi della vigilia, nella tarda serata di ieri, il direttore gara Luca Tenni non ha avuto dubbi e ha tagliato le parti alte del tracciato originale dopo avere costato che la neve, non più portante, non avrebbe garantito le condizioni minime di sicurezza. In base a questa ultima modifica il percorso aveva uno sviluppo 54km con 3800m di dislivello positivo.

Ne è scaturito un itinerario comunque tecnico e muscolare che non è andato a intaccare la spettacolarità dell’evento. Numeri alla mano, la Doppia W 2019 ha visto ai nastri di partenza 160 sulla prova integrale da 60k, 29 staffette a 2 elementi, 22 team da 3 e 200 iscritti alla camminata… per un totale di circa 500 atleti.

LEGGI QUI L’EDIZIONE 2018

Cronaca di gara

Pronti, via e sul primo tratto di ascesa in terra svizzera i colombiani Jesus Gaviria Ospina e Adolfo Buitrago hanno innestato il turbo sgranando il gruppo di testa. Superato il tratto sulla neve a Passo Malghera, il talentuoso atleta del Team Salomon Riccardo Montani ha però cambiato passo guadagnando la testa della corsa. La sua è stata una cavalcata trionfale sino al traguardo. Per lui ingresso trionfale in Piazza Cavour a Tirano con crono di 5h51’32”. Secondo ,alle sue spalle, Jesus Gaviria Ospina con un distacco di 20’58”, mentre sul gradino più basso del podio è salito l’azzurro di trail Christian Pizzatti che ha stoppato l’orologio sul tempo di 6h29’30”. Hanno completato la top ten di giornata Adolfo Buitrago, Daniele Nava, Riccardo Faverio, Stefano Rossatti, Mirko Pedroli, Maurizio Perlini e Luigi Zanaboni.

Leggi anche:  Del Simone lascia il Comune

Nella gara in rosa serrato testa nelle fasi iniziali tra la colombiana Emily Schmitz e la genovese Cecilia Pedroni. Con il passare dei chilometri la vincitrice della prima edizione si è però arresa alla manifesta superiorità della propria avversaria. Per Schmitz successo strameritato in 7h27’41”. Secondo posto per l’ottima Pedroni in 7h38’05”, mentre terza si è piazzata le veneta Cristiana Follador in 7h53’56”.

 

Classifica staffetta

Non solo individual race, il numeroso pubblico accalcato nella città abduana ha applaudito e sospinto al traguardo anche i numerosi staffettisti in gara. Nella classifica di coloro che hanno diviso le fatiche di questa Doppia W successo di giornata per le coppie Giuditta Turini – Laura Besseghini & Sergio Bongio – Mauro Manenti. Nella corsa a tre elementi, vittoria per il team composto da Valentino Speziali, Mirko Bertolini e Mattia Bonesi al maschile, mentre nel ranking in rosa si sono imposte Michela Della Maddalena, Francesca Mottalini e Enrica Mattaboni.