Sempre più corsa in montagna, sempre più festa di un intero paese che ancora una volta celebra concretamente i valori dello sport e dell’amicizia.

Domenica 15 settembre

Il Trofeo Massimo Giugni si rinnova e cresce, mantenendosi fedele ai principi che lo hanno visto nascere 28 anni fa e torna a dare spettacolo domenica 15 settembre nei boschi di Albosaggia.
Il nuovo percorso, ormai pronto e già segnalato da fettucce e frecce bianco/rosse, sfoggia anche questa volta alcune modifiche determinanti, frutto anche dei suggerimenti raccolti fra i migliori della disciplina.
Proprio su indicazione degli atleti, infatti, già dalla scorsa edizione, si è lavorato per migliorare progressivamente il tracciato, rendendolo più scorrevole e tecnico al tempo stesso.
“Via altri pezzi di asfalto – annuncia il Presidente della Polisportiva Albosaggia ASD, Gianluca Cristini – ma senza rinunciare ai suggestivi punti di passaggio tanto cari al pubblico e ai sostenitori”.

La gara

La gara FIDAL di corsa in montagna Assoluti e Master, valida come 3° prova del Campionato di Società, é frutto della fattiva collaborazione fra Polisportiva, Comune di Albosaggia e Famiglia Giugni e gode della collaborazione di tutte le associazioni del paese: uno sforzo corale per non lasciar cadere quell’eredità morale, fatta di passione e di impegno verso gli altri, che Massimo Giugni ha lasciato nel panorama sportivo locale.

LEGGI ANCHE:Albosaggia Vertical, vincono Leoni e Ciappini – FOTO e CLASSIFICHE

Grande novità del 2019 è la partenza in senso opposto rispetto al solito e cioè verso ovest con una prima salita dopo 200 metri in via Marescialli sino al tracciato solito; più su, in via Gaggioli, si sale nel bosco per un sentiero che porta in località Cà Rovedatti; una volta giunti in prossimità dell’incrocio con via Roma, il tracciato scende per il sentiero di Pedrusc sino al ponte del Torchione, dove inizia il tratto di salita dell’Albosaggia Vertical che conduce sino al Castello Paribelli e al Municipio; da qui la corsa si snoda lungo il percorso consueto, con ripetizione del sentiero di Pedrusc e conquista del traguardo davanti al Municipio di Albosaggia.

Leggi anche:  Livigno protagonista nello sci di fondo

In tutto, dalla frazione Centro fino a Gandola e ritorno, 9 chilometri e 700 metri, di cui circa 6 chilometri e mezzo di sentiero e poco più di 3 su asfalto con dislivello positivo di 650 metri.
Come sempre versione “light” per la corsa non competitiva aperta a tutti e tradizionalmente molto amata non solo dai campioni ma anche da bambini e ragazzi: lunghezza di 3 chilometri e mezzo per i nati nel 2002 e successivi, poco meno di 10 per gli altri.
Per i molti che vorranno provarlo di persona prima della gara, QUI le tracce GPS gpx e kml

Il programma

Giovedì 12 settembre h. 20.00: chiusura iscrizioni FIDAL sul portale federale.
Sabato 14 settembre h. 12.00: chiusura iscrizione atleti non FIDAL sul sito della Polisportiva Albosaggia.
Domenica 15 settembre:
h. 8,15 ritrovo zona partenza per ritiro pettorali e accettazione ultime iscrizioni (fino a 30 minuti prima della partenza e con un sovrapprezzo di € 5).
h. 9,45 partenza gara FIDAL; a seguire tutti gli altri.
h. 10,20 arrivo previsto del primo concorrente FIDAL al Castello Paribelli.
Le premiazioni si svolgeranno entro 30 minuti dall’arrivo dell’ultimo concorrente; a seguire festa in compagnia.