Domenica 5 maggio si è svolto il secondo round del campionato italiano Rotax Max Kart. Giuseppe Forenzi, pilota tredicenne di Berbenno, già campione italiano 2018 nella categoria mini rotax, ha conquistato il primo podio della stagione nella nuova categoria 125Junior.

Sotto il diluvio

E’ stato un weekend durissimo dal punto di vista ambientale caratterizzato da temperature invernali, pioggia battente e continua per tutta la domenica e raffiche di vento a 80km/h che hanno messo alla prova tutti i team ma soprattutto i piloti di tutte le categorie presenti.

Già sabato Forenzi, sfiora la pole position, ma è domenica che inizia il suo vero e proprio show sotto l’acqua: la mattina durante il warm up svolto assieme ai piloti della categoria Senior fa segnare il terzo tempo assoluto lasciando persino dietro alcuni dei piloti più forti della categoria superiore. Poi in gara 1 Giuse parte secondo ma subito si porta in testa e vince, al termine della gara gli viene commissionata una penalità di 10 secondi, ma riesce comunque a conquistare il secondo posto perché il distacco sul terzo era abissale.

Leggi anche:  In 400 per la Camminata della Repubblica

Giuseppe vince anche gara 2 conducendo la gara dall’inizio alla fine ma si becca ancora 10 secondi di penalità ed alla fine scivola al terzo posto ma ricevendo i complimenti da parte di tutti persino dal boss della Rotax Austria presente per l’occasione.

Detto “Lo splendido”

E’ stato un weekend straordinario per Giuse detto “lo splendido” al suo debutto nella categoria Junior. Ricordiamo che nel primo round a Jesolo si era ritirato causa incidente mentre nella tappa del Campionato Centro Est Europa, Forenzi è arrivato 12esimo su 34 driver.

La prossima gara si terrà a Lonato il prossimo 19 maggio mentre il 2 giugno Giuseppe parteciperà alla Euro Trophy Rotax dove sono iscritti solo due italiani oltre ad altri 30 piloti provenienti da tutta Europa.

Giuseppe ringrazia fortemente tutto il team Foo Drivers, gli Sponsor e la propria famiglia che lo supportano in questo sport.