Primi successi stagionali per i valtellinesi impegnati con il Cernobbio nel Master Old Star.

Master Old Star

Gara numero 401 per i Master Old Stars, uno dei circuiti piu interessanti e longevi del circo bianco nazionale. Al cancelletto un centinaio di over 50 con l’esempio davanti a tutti, del milanese Roberto Cantù ormai prossimo a spegnere 88 candeline ma nessuna intenzione di abbandonare sciolina e ski pass. Una partecipazione incoraggiante, ma che ha dovuto fare i conti con l’influenza che tiene a letto oltre tre milioni di italiani e che non ha risparmiato neppure i Master Old Stars.

Continuità per la manifestazione

Gli organizzatori dello Ski Mountain di Bergamo hanno evidenziato, nel corso delle premiazioni, alcuni dati molto interessanti emersi dalla lettura degli ordini di partenza. Se da una parte appare chiaro come la fidelizzazione a questa manifestazione porti al consolidamento di partecipanti nelle categorie dei meno giovani che annota almeno 25 concorrenti over 75, si registra anche nelle categoria precedenti un livellamento di partecipanti per ogni anno di nascita. Cosa significa? In una parola continuità, per ancora moltissimi anni. Infatti oltre venti concorrenti nati nel 1946 e 1947 garantiscono uno zoccolo duro di iscritti tra i super 70 per almeno altri tre anni, e se in otto passeranno nella categoria superiore , nel frattempo ce ne saranno almeno una dozzina che li rimpiazzeranno. Questo meccanismo permette un ricambio fisiologico a scalare, rafforzato da un crescente numero di concorrenti che si stanno affacciando nelle categorie dei piu giovani, i Super 50 e Super 55, da sempre l ‘anello debole degli Old Stars. E se poi dovesse essere abolita la “legge Fornero” sicuramente qualche cinquantenne in piu con la passione dello sci, ringrazierebbe il nuovo Governo….

Le gare

La prima gara è scivolata via senza alcun problema, prassi consolidata per l’Adamello Ski anche se la temperatura poco invernale ha generato qualche vasca di troppo che ha tradito alcuni protagonisti come Sergio Orio, Maurizio Tagliaferro, Diego Galbusera ed il new entry Stefano Colombo. Con le sue dieci gare già disputate, il piu in forma è risultato essere Amos Fazzini detentore in carica del titolo dei Super 55; l ‘unico che ha saputo avvicinarsi a soli sette centesimi è stato Marco Plona.
Sorpresona invece a livello femminile dove la campionessa mondiale Anna Fabretto, imbattuta tra gli Old Stars a misura di memoria, è stata invece superata di un soffio da Rina Crotti, new entry nella categoria Dame C5. Se il buongiorno si vede dal mattino, la trentaduesima edizione sarà molto combattuta sia a livello individuale, vedasi Bergamelli che ha superato Sabbadini tra i super 60 e Fumasoni che ha ridotto il gap con Bavo chiudendo con lo stesso tempo, sia tra le società con un rinforzato Cernobbio intenzionato a riprendersi il Trofeo assoluto dalla bacheca de La Recastello. Le due società si sono aggiudicate anche i trofei “Enzo Martinelli” e “don Aldo Nicoli” in palio a Temù.

Leggi anche:  Il derby di giornata in Prima categoria è Chiavennese-Grosio

Prossima tappa in Valtellina

Archiviata la prima stagionale, il circo Master degli Old Stars settimana prossima si sposta in Valtellina per la prima “due giorni” in calendario, a Santa Caterina Valfurva, dove ci sono in calendario due giganti ed uno slalom e la prima combinata stagionale, quindi ben quattro punteggi che potranno già dare indicazioni interessanti sulla classifica individuale.

LE CLASSIFICHE

Dame C5: 1. Rina Crotti (Cernobbio) 1.04.07; 2. Anna Fabretto (Marinelli) 1.04.36;3. Luciana Pezzotta (La Recastello) 1.20.59; 4. Elena Martinelli (La Recastello) 1.22.72; 5. Marika Maglia (Cernobbio) 1.25.63. Dame C4: 1. Graziella Carrara (La Recastello) 59.25; 2. Ivana Castellini (Cernobbio) 1.05.28; 3. Milena Bonzani (Cernobbio) 1.07.09; 4. Marilu Consonni (Cernobbio) 1.18.48; 5. Donatella Imberti (La Recastello) 1.25.17. Dame C3: 1. Brunella Mattarelli (Ski Mountain) 1.06.50; 2. Pierangela Belotti (La Recastello) 1.08.07; 3. Livia Cominelli (Parre) 1.98.65; 4. Anna Cappella (La Recastello) 1.24.78. Dame C2: 1. Pierangela Fumagalli (La Recastello) 56.92; 2. Lorena De Battisti (Cernobbio) 1.04.39.

Master Super 85: Roberto Cantù (Cernobbio) 1.10.38; Super 80: 1. Luigi Amigoni (La Recastello) 1.05.68; 2. Sandro Moretti (La Recastello)1.06.27; 3. G.Carlo De Battisti (Cernobbio) 1.07.47; 4. Sandro Cesati (Ski Mountain ) 1.09.18; 5. Mario Moro (Ski Mountain) 1.11.97 Super 75: 1. Sandro Orsi (La Recastello) 59.74; 2. Gianni Vallè (Ski Mountain) 1.00.06; 3. Sandro Traini (La Recastello) 1.03.75; 4. Enzo Spluga (La Recastello) 1.04.82; 5. Francesco Gilardoni (Cernobbio) 1.19.74. Super 70: 1. Roberto Fumasoni (Cernobbio) 54.32; 1. Natalino Bavo (Cernobbio) 54.32; 3. Lino Garbellini (Cernobbio) 54.99; 4. Nando Novelli (Parre) 57.34; 5. Lucio Agazzi (Marinelli) 59.24. Super 65: 1. Giorgio Curtoni (Cernobbio) 52.49; 2. Livio Zugnoni (Cernobbio) 53.89; 3. Carlo Ferri (Cernobbio) 53.94; 4. Marcello Rossi (Ski Mountain) 55.08; 5. Valerio Locatelli (Cernobbio) 55.50. Super 60: 1. Giampy Bergamelli (La Recastello) 52.93; 2. Mario Sabbadini (La Recastello) 53.59; 3. Adriano Carrara (La Recastello) 53.63; 4. Vittorio Pelizzari (Cernobbio) 55.06; 5. Danilo Gandossi (La Recasatello) 55.43. Super 55: 1. Amos Fazzini (Cernobbio) 50.35; 2. Guido Galbusera (Cernobbio) 53.97; 3. Sergio bordazzi (La recastello) 54.88; 4. Pier Tombini (Ski Mountain) 56.21; 5. Ivano Balzi (La recastello) 57.88. Super 50: 1. Marco Plona (Cernobbio) 50.42; 2. Guido Chiarle (Ski Mountain) 52.70; 3. Achille Maggioni (Ski Mountain) 55.44; 4. Massimiliano Molteni (Cernobbio) 1.00.75