Solo 49 punti per i gialloneri, poco per sperare di battere la formazione milanese.

La partita

Buon avvio dei morbegnesi che tengono testa al quotato avversario. Bravi a rispondere colpo su colpo per il 12-10 del primo quarto. Anche nel secondo, sostanziale equilibrio. Rotto nel finale da due canestri dell’Ebro dalla lunga distanza. E da un fallo tecnico fischiato a Bongio. Passivo che sale fino al 33-24 dell’intervallo lungo. Negli spogliatoi, coach Ronconi chiede una reazione. Ma i morbegnesi litigano con il canestro. I milanesi arrivano fino al +15 e la partita sembra destinata a spegnersi. 50-37 il parziale alla fine del terzo quarto. Bella reazione dei gialloneri che avvicinano fino al meno 3. Nel frangente decisivo, un paio di scelte sbagliate con tiri dalla lunghissima distanza. Ebro che ne approfitta e riprende quota. Il vantaggio oscilla tra i 6 e gli 8 punti. Si dilata nel finale con altre due triple di Ardizzone. Alla sirena il tabellone recita 62-49.

Il tabellino e le statistiche

Del Barba 1, G. Ronconi, Bongio 5, Lucchina, Gottari 11, Ciceri 3, Manni 1, Broggi, Feloj 12, Tarabini, A. Ronconi 3, Favero 13. Coach: C. Ronconi. Troppo poco il 36% da due punti, il 22% da tre e il 53% ai liberi per impensierire la forte formazione ospite. Favero e Feloj i più presenti in campo. Rispettivamente con 34 e 33 minuti. Giorgio Gottari il giocatore che ha fatto registrare le migliori percentuali nei 20 minuti giocati. 30 i rimbalzi catturati dalla Pezzini. 5 in attacco e 25 in difesa. Nessun giocatore è uscito per 5 falli.

Leggi anche:  Riprende la strada della vittoria la Pezzini in serie C Silver

Il prossimo incontro

Domenica 9 dicembre a Basiglio contro la Oscom Milano Tre. Con palla a due alle ore 18. “Sarà fondamentale vincere, perchè loro hanno 6 punti in classifica. Spero di recuperare Lucchina che ha subìto un colpo alla clavicola. Nemmeno Tarabini (nella foto) sta benissimo. Lui gioca nonostante il dolore alla caviglia. Il fastidio non gli permette di esprimersi al meglio, specialmente in attacco”, così commenta coach Christian Ronconi.